Peer Reviewed Journal



Proporre un articolo
ITALIA CONTEMPORANEA
Istituto Nazionale Ferruccio Parri
3 fascicoli all'anno , ISSN 0392-1077 , ISSNe 2036-4555
Prezzo fascicolo (inclusi arretrati): € 37,00
Prezzo fascicolo e-book (inclusi arretrati): € 32,00

Canoni 2019
Biblioteche, Enti, Società:
cartaceo (IVA inclusa): Italia € 110,00;Estero € 143,50;
solo online (IVA esclusa):  € 110,00;

Info  abbonamenti cartaceo     Info  licenze online

Atenei:
online (con arretrati, accesso perpetuo, formula plus )
Info licenze online

Privati:
cartaceo: € 84,50 (Italia); cartaceo: € 127,50 (Estero); solo online (privati): € 72,50 ; 
Info abbonamenti  Info INSMLI ed ENTI COLLEGATI, IST. Naz. ST. Mov. Liberazione

Abbonati qui


Italia contemporanea, è il quadrimestrale dell’Istituto Nazionale Ferruccio Parri. Rete degli Istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea. Dal 1974 essa costituisce la continuazione de Il Movimento di liberazione in Italia, che accompagnò la nascita dell’Istituto nel 1949 come espressione del suo impegno scientifico e culturale. Dando vita alla rivista l’Istituto, fondato da Ferruccio Parri, scelse di costituire un punto di riferimento autonomo, libero e pluralista sotto il profilo culturale e storiografico, nella prospettiva di creare uno spazio critico per la discussione e l’individuazione di chiavi di lettura del presente, ponendo come unico vincolo la professionalità dei contributi pubblicati. Il richiamo ideale all’esperienza storica e ai valori della Resistenza hanno fatto sì che sin dagli esordi la rivista ne affrontasse criticamente la storia, impedisse che ne andasse perduta la memoria e, nel contempo, si cimentasse nel compito di includere anche le vicende successive a quel periodo in una trattazione scientifica della storia contemporanea. Il profondo legame della rivista e dell'Istituto con il patrimonio della cultura antifascista è espresso dall'attenzione al revisionismo e ai tentativi di annullare i fondamenti antifascisti della democrazia repubblicana. Nel corso degli anni gli interessi della rivista si sono via via ampliati e, accanto alle tematiche del binomio fascismo/antifascismo, si sono progressivamente rivolti al passaggio dal fascismo alla repubblica e ai grandi temi del Novecento: dai modelli di sviluppo economico, al nesso Stato-autonomie, al fascismo locale, al colonialismo, al razzismo. I contatti con numerosi centri di ricerca internazionale hanno portato ad un allargamento degli orizzonti geografici e tematici rivolto alla storia dell’Europa e degli Stati Uniti. La rivista si articola in tre sezioni: Studi e ricerche, che accoglie ricerche originali e studi su fonti di prima mano; Note e discussioni, che ospita rassegne, note critiche, nonché la pubblicazione di fonti e documenti particolarmente significativi e la presentazione di fondi archivistici pubblici e privati. Una specifica attenzione è riservata all’uso pubblico della storia e al suo insegnamento e, in generale, al mondo della scuola. Conclude ogni numero una Rassegna bibliografica, dedicata a esami approfonditi di un cospicuo numero di novità, nonché a segnalazioni più brevi dal carattere principalmente informativo.

Presidente: Paolo Pezzino
Vicepresidente: Manuela Ghizzoni
Consiglio d’amministrazione: Marilena Adamo, Marco Borghi, Paola Carucci, Gianluca Fulvetti, Isabella Insolvibile, Stefano Pivato, Mario Renosio
Consiglio di indirizzo: Giuliano Albarani, Giorgio Bigatti, Annalisa Cegna, Giampaolo D’Andrea, Claudio Dellavalle, Paolo De Marco, Luca Gibillini, Patrick Karlsen, Federico Melotto, Mino Ronzitti, Marco Rossi Doria, Catia Sonetti, Mario Tosti
Direttore generale: Claudio Silingardi
Direttore scientifico: Filippo Focardi
Comitato scientifico:Giulia Albanese, Irene Bolzon, Lucia Ceci, Costantino Di Sante, Emanuele Felice, Enzo Fimiani, Carlo Greppi, Santo Peli, Elisabetta Ruffini, Silvia Salvatici, Antonella Salomoni, Giorgio Vecchio
Direttore: Nicola Labanca (Università degli studi di Siena)
Redazione: Salvo Adorno (Università degli studi di Catania), Enrica Asquer (Società italiana delle storiche), Tommaso Baris (Università degli studi di Palermo), Elisabetta Bini (Università degli studi di Napoli Federico II), Agostino Bistarelli (Giunta centrale per gli studi storici), Bruno Bonomo (Sapienza Università di Roma), Lucia Ceci (Università degli studi Roma Tre), Filippo Focardi (Università degli studi di Padova), Alessio Gagliardi (Alma Mater Studiorum Università di Bologna), Roberta Garruccio (Università degli studi di Milano), Alessandra Gissi ("L’Orientale" Università degli studi di Napoli), Toni Rovatti (Alma Mater Studiorum Università di Bologna), Elisabetta Tonizzi (Università degli studi di Genova)
Segreteria di redazione: Fabio De Ninno (Università degli studi di Siena), Maurizio Guerri (Istituto nazionale Ferruccio Parri), Paola Redaelli (Istituto nazionale Ferruccio Parri)
Corrispondenti: Ruth Ben-Ghiat (New York University), Christoph Cornelissen (Istituto Storico Italo-Germanico della Fondazione Bruno Kessler), John Foot (University of Bristol), Olivier Wieviorka (Ens, Cachan)

Sede: presso Istituto nazionale Ferruccio Parri - Via Federico Confalonieri, 14 - 20124 Milano tel. 02/66823204 e-mail: italiacontemporanea@insmli.it

Tutti gli articoli sono valutati da almeno due referees anonimi, estranei alla Redazione, col sistema del doppio cieco.

Fascia A Anvur per settore concorsuale: settore A3 (STORIA CONTEMPORANEA)

FrancoAngeli è consapevole dell’importanza - per accrescere visibilità e impatto delle proprie pubblicazioni - di assicurare la conservazione nel tempo dei contenuti digitali. A tal fine siamo membri delle due associazioni internazionali di editori e biblioteche - Clockss e Portico - nate per garantire la conservazione delle pubblicazioni accademiche elettroniche e l’accesso futuro nel caso in cui venissero a mancare le condizioni per accedere al contenuto tramite altre forme.

Sono repository certificati che offrono agli autori e alle biblioteche anche la garanzia dell’aggiornamento tecnologico e di formati per permettere di fruire in perpetuo e nel modo più completo possibile dei full text.

Per saperne di più: Home - CLOCKSS; Publishers – Portico.

La circolazione della rivista mira a valorizzarne l’impatto presso un pubblico di ricercatori e cultori.



Articolo gratuito Articolo gratuito Articolo a pagamento Articolo a pagamento Acquista il fascicolo in e-book Fascicolo disponibile in e-book


Fascicolo 290/2019 
Acquista il fascicolo in formato e-book


Mattia Granata, Oece, Svimez e programmazione economica in Grecia nel dopoguerra
Enrico Landoni, Il nuovo olimpismo di Juan Antonio Samaranch e la relazione speciale tra Italia e Comitato olimpico internazionale
Valerio Marinelli, Il Sessantotto studentesco di Perugia e il Sessantotto "operaio" di Terni tra storia e memoria
Giulia Albanese, Italianità fascista. Il regime e la trasformazione dei confini della cittadinanza 1922-1938
Michele Colucci, La ricerca storica e l’immigrazione straniera negli anni dell’Italia repubblicana
Riccardo Bellandi, Il ruolo di Enrico Mattei nel sistema politico italiano tra l’estate 1961 e la primavera 1962 alla luce del diario inedito della sua guardia del corpo Rino Pachetti
Francesco Petrini, Oltre Mattei. L’Eni nella storia d’Italia
Alfredo Gigliobianco, Capitalismo italiano
Bruno Settis, Una Sonderweg economica italiana?

Sezione Open Access
Perry Willson, Confusione terminologica: "femminismo" ed "emancipazionismo" nell’Italia liberale
Martino Oppizzi, "L’assalto alla diligenza": la penetrazione del fascismo nella comunità italiana di Tunisia negli anni Venti
Rassegna bibliografica


Fascicolo 289/2019 
Acquista il fascicolo in formato e-book


Pietro Pinna, L’industria vinicola italoamericana in California e il proibizionismo
M. Lorenzo Capisani, "Cina d’oggi" e Guerra fredda nella politica estera italiana: il Centro studi per lo sviluppo delle relazioni economiche e culturali
Onofrio Bellifemine, I cattolici e la nascita del centro siderurgico di Taranto: una città del Sud alla vigilia dell’industrializzazione (1956-1964)
Agostino Bistarelli, Il vantaggio dell’arretratezza? Innovazione e tradizione nella via italiana alla public history
Mirco Carrattieri, Per una public history italiana
Elena Pirazzoli, In attesa della storia. Il Museo per la memoria di Ustica a Bologna
Stefania Bartoloni, L’Opera nazionale per la maternità e l’infanzia: cinquanta anni di vita, trenta anni di ricerche
Guri Schwarz, Sopravvivere alla Shoah. Riflessioni a partire da due contributi recenti
Paul Corner, Immagine e realtà dello stato fascista
Alessandro Santagata, Il 2017 di don Milani. Un bilancio storiografico

Sezione Open Access
Michele Nani, Il popolo dei lombrosiani. Scienze sociali e classi subalterne in Italia fra Otto e Novecento
Giorgio Vecchio, La contestazione leghista e la riscoperta del Tricolore (1990-2011)
Rassegna bibliografica


Sommari delle annate

2019   2018   2017   2016   2015   2014   2013   2012   2011   2010