Un Souvenir de Solferino

Henry J. Dunant

A cura di: Costantino Cipolla, Paolo Vanni

Un Souvenir de Solferino

L’opera di Dunant, presentata in una nuova edizione critica, è la pietra miliare della nascita della Croce Rossa Internazionale. Il Souvenir narra la battaglia combattuta il 24 giugno 1859 fra l’esercito franco-sardo e quello austriaco, passata alla storia come battaglia di Solferino e San Martino. Dalle sue pagine emerge un drammatico appello all’umanità a favore della fratellanza, dei più deboli, dei feriti e dei morti che la società produce “volontariamente” con le proprie opzioni politiche.

Edizione a stampa

32,00

Pagine: 320

ISBN: 9788856811230

Edizione: 6a ristampa 2022, 1a edizione 2009

Codice editore: 1047.5

Disponibilità: Discreta

Pagine: 320

ISBN: 9788856809411

Edizione:1a edizione 2009

Codice editore: 1047.5

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: PDF con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Vi sono dei libri, a volte anche dei piccoli libri, che entrano nella storia e quasi senza rendersene conto la cambiano, la fanno vedere da un'altra prospettiva e concepiscono nuove conquiste di civiltà.
L'opera di Henry Dunant, presentata in una nuova e radicale edizione critica con il testo originale a fronte, è sicuramente uno di questi: Un Souvenir de Solférino è la pietra miliare della nascita della Croce Rossa Internazionale, ne è il seme fecondo e l'anima profonda. Un piccolo-grande classico del pensiero e dell'azione con una storia travagliata e complessa alle spalle.
Il Souvenir narra la battaglia combattuta il 24 giugno 1859 fra l'esercito franco-sardo e quello austriaco e passata alla storia come battaglia di Solferino e San Martino. Dalle sue pagine emerge un drammatico appello all'umanità a favore della fratellanza, dei più deboli, dei feriti e dei morti che la società produce "volontariamente" con le proprie opzioni politiche. Sorta di manifesto, senza volerlo essere, dei malati, dei mutilati, degli ignoranti, dei moribondi, degli uccisi, degli scannati, lo scritto di Dunant è l'esaltazione della femminilità, in un contesto sociale in cui attribuire l'aggettivo femmineo a un evento o a un individuo equivaleva a bandirlo dalla convivenza civile. In tal senso, il Souvenir non contiene solo l'idea concreta, organizzativa e pratica della futura Croce Rossa, ma muta la visione del mondo. Fa parlare ed esistere gli sconfitti. Porta sul teatro della battaglia la voce e il volto di chi la guerra ha sepolto sotto le sue armi, impedendogli di parlare e di vedere per sempre.
Henry Dunant intuì, prima ancora di capirla, cosa sarebbe stata la Croce Rossa e la costruì senza averla costruita con la sua calda devozione senza confine, forse ben più che con la sua fredda razionalità calvinista.

Edizione italiana a cura di Costantino Cipolla e Paolo Vanni con testo originale a fronte.



Fabrizio Paganella, Erminia Bongiorno Cheli, Presentazione
Jakob Kellenberger, Présentation
Juan Manuel Suárez del Toro Rivero, Presentación
Massimo Barra, Presentazione
Francesco Caponi, Presentazione
Francesco Rocca, Presentazione
Costantino Cipolla, Prefazione
Un Souvenir de Solférino, originale francese, numerazione araba in corsivo
Un ricordo di Solferino, traduzione italiana a fronte, numerazione araba in tondo
Paolo Vanni, Postfazione.

Contributi: Massimo Barra, Erminia Bongiorno Cheli, Francesco Caponi, Jakob kellenberger, Fabrizio Paganella, Francesco Rocca, Juan Manuel Suarez del Toro Rivero

Collana: Laboratorio sociologico

Argomenti: Storia della salute e della sanità - Sociologia della salute

Livello: Saggi, scenari, interventi

Potrebbero interessarti anche