Il controllo del flusso di cassa. Come prevedere e gestire il cash flow per la solidità finanziaria dell'impresa
Contributi
Fabio Bolognini
Livello
Testi per professional
Dati
pp. 96,   1a ristampa 2017,    1a edizione  2014   (Codice editore 564.121)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 13,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 9,49
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 9,49
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Una guida semplice rivolta a tutti coloro che vogliono apprendere RAPIDAMENTE i principi base della gestione finanziaria dell’impresa. Propone un metodo per prevedere i fabbisogni di liquidità e gestirli in modo tempestivo, non in emergenza. Insegnerà a tenere sotto controllo il magazzino, monitorare i tempi di incasso dai clienti e di pagamento dei fornitori, prevedere le uscite periodiche per tredicesime, rate di mutui, e molto altro ancora…
Presentazione del volume

Una guida semplice rivolta a tutti coloro che vogliono apprendere rapidamente i principi base della gestione finanziaria dell'impresa.
Ogni azienda, per continuare nel tempo e avere successo, deve avere un cash flow (flusso di cassa) positivo. In altri termini deve produrre denaro contante (entrate) in misura superiore a quello utilizzato per pagare fornitori, dipendenti, tasse, ecc. (uscite).
In tempi recenti la crisi economica, la difficoltà nell'incasso dei crediti e il cambiamento della propensione delle banche a concedere prestiti e finanziamenti ha reso ancora più importante la gestione della liquidità.
Per questo un imprenditore accorto sa che tenere sotto controllo il livello e l'andamento dei flussi finanziari è determinante per garantire la buona continuazione dell'attività aziendale.
Questo libro è rivolto a tutti coloro che vogliono apprendere i principi base della gestione finanziaria dell'impresa e propone un metodo per prevedere i fabbisogni di liquidità e gestirli in modo tempestivo, non in emergenza. Occorre ad esempio, tenere sotto controllo il magazzino, monitorare i tempi di incasso dai clienti e di pagamento dei fornitori, prevedere le uscite periodiche per tredicesime, rate di mutui, ecc.
Il libro propone inoltre alcuni spunti di riflessione in merito alla gestione degli investimenti e in particolare a quelli immobiliari, che rappresentano spesso una causa del prosciugamento della liquidità aziendale.
Il testo è arricchito da esempi e casi concreti di aziende produttive e commerciali oltre che da tabelle e grafici (disponibili in Excel su richiesta agli autori) per poter mettere in pratica quanto appreso e migliorare la gestione della liquidità in modo semplice ed immediato.

Cristina Mariani, imprenditrice per 15 anni, conduce corsi di formazione in aziende, associazioni di imprese e camere di commercio. È autrice presso gli stessi tipi di Pricing (2012), Marketing low cost (2°ed., 2013) e di Comunicazione low cost (2010).
Alessandro Silva, già dirigente in area marketing e vendite presso primarie aziende e gruppi italiani ed esteri, è da anni impegnato nella consulenza ad imprese di piccole e medie dimensioni in affiancamento alla proprietà, anche su tematiche di budgeting, controllo di gestione e pricing.

Indice
Introduzione
I 7 principi base
(Principio n. 1. Trascurare la cassa è pericoloso; Principio n. 2. I budget sono necessari; Principio n. 3. Per poter fare dei budget e delle previsioni (in questo caso, relativamente alla cassa) bisogna conoscere almeno i principi base di contabilità; Principio n. 4. Una volta fatti i budget, bisogna poi rilevare i dati a consuntivo e confrontarli con i budget stessi; Principio n. 5. Principio di competenza e principio di cassa; Principio n. 6. Differenza tra il concetto economico e il concetto finanziario; Principio n. 7. L'imprenditore non necessariamente è anche un immobiliarista)
Il bilancio riclassificato
(I 9 pilastri del cash flow; Quantità vendute; Prezzi; Costi variabili; Margine di contribuzione; Costi fissi; Margine operativo lordo (MOL o EBITDA); Crediti verso clienti; Magazzino (scorte o rimanenze finali); Debiti verso fornitori)
Il capitale circolante
Il rendiconto finanziario: dove sono finiti i soldi?
Dal budget delle vendite al budget economico e al budget di cassa
(Perché è importante la "previsione"; Gli elementi del sistema previsionale; Il budget delle vendite (fatturato); Il budget di conto economico (ricavi, costi, risultato); Il budget di conto economico: la mensilizzazione; Il budget di conto economico: il timing di budget; Il budget di cassa)
Consuntivi e budget
(Il sistema di reporting e i dati di confronto)
Fabio Bolognini, Il cash flow nella crisi di impresa
Conclusioni
Bibliografia.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi

Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo


Segnalazioni

Pubblicità