Labor Limites. Riconoscere, vivere e riprogettare i limiti
Contributi
Francesco Magris, Emanuela Casti, Francesco De Pascale, Angela Caruso, Benedetta Castiglioni, Mauro Pascolini, Giacomo Zanolin, Dino Gavinelli, Danilo Cecchini, Stefano Allovio, Davide Cirillo, Maura Benegiamo, Silvia Aru, Alessia De Nardi, Andrea Soggiu
Livello
Dati
pp. 188,      1a edizione  2016   (Codice editore 11787.2)

Codice ISBN: 9788891745811

In breve
Il volume raccoglie alcune riflessioni sul concetto di limite emerse durante il terzo Workshop Nazionale di Padova (maggio 2014) promosso dall'Associazione Italiana Insegnanti di Geografia. L’obiettivo è quello di far dialogare autori di ambiti scientifici differenti attorno ad uno dei temi oggi più rilevanti e critici.
Presentazione del volume

Il volume raccoglie alcune riflessioni sul concetto di limite emerse durante il terzo Workshop Nazionale di Padova (maggio 2014) promosso dall'Associazione Italiana Insegnanti di Geografia. In un'epoca nella quale globale e locale sono contingenze che toccano la nostra vita, il concetto di limite interroga la geografia, poiché travalica il senso cartografico per allargarsi a dimensioni culturali; supera le proiezioni politiche per adattarsi a significati simbolici; si dilata seguendo le leggi umane per incontrare quelle naturali; si ibrida grazie alle massicce migrazioni ma allo stesso tempo rivitalizza le barriere identitarie. L'obiettivo è quello di far dialogare autori di ambiti scientifici differenti attorno ad uno dei temi oggi più rilevanti e critici. Tre le "prospettive" attraverso le quali guardare al limite: il riconoscimento e la rappresentazione dei limiti cartografici; il rispetto dei limiti in ottica di tutela e protezione del patrimonio territoriale; la trasgressione del limite e la sua riprogettazione verso rinnovate relazioni con l'esterno e l'altrove. La visione multi-disciplinare e la pluralità degli sguardi dei vari autori ben si adattano al tema del "limite". Essendo uno spazio per sua natura multiplo, in transizione, che si modifica nel tempo e in base alla prospettiva culturale e sociale attraverso cui lo si guarda e vive, si è pensato di affrontare il limite senza pensare ad una sua "soluzione" ma al suo divenire e alla sua complessità implicita.

Sara Bin (1976) è geografa. Insegna geografia, è formatrice, fa ricerca e scrive di temi legati alla cooperazione allo sviluppo e alla cittadinanza globale, alla sovranità alimentare e alle migrazioni con un interesse particolare per il continente africano.
Giovanni Donadelli (1985) è insegnante di scuola primaria. Collabora con la Sezione di Geografia dell'Università di Padova in progetti educativi, formativi e divulgativi rivolti al territorio. Dal 2014 è consigliere nazionale dell'AIIG.
Daria Quatrida (1976) è geografa presso l'Università di Padova. Si interessa delle dinamiche territoriali legate ai progetti di sviluppo nella fascia Saheliana (Senegal, Mali, Sudan), all'apprendimento cooperativo e al lavoro di campo come attività formativa.
Francesco Visentin (1982) è assegnista di ricerca presso l'Università Ca' Foscari di Venezia dove si occupa di geografia culturale e di turismo sostenibile con particolare attenzione alle dinamiche evolutive dei paesaggi d'acqua.

Indice
Francesco Magris, Prefazione
Sara Bin, Giovanni Donadelli, Daria Quatrida, Francesco Visentin, Introduzione, sul limite
Parte I. Riconoscere i limiti nelle rappresentazioni cartografiche
Emanuela Casti, Dalla centralità all'esclusione del limite in cartografia
(Il limite nella metrica topografica; La mondializzazione; Lo spazio topologico; Lo spazio topologico in cartografia; L'irruzione della quotidianità nella metrica corografica; I sistemi cartografici partecipativi; La resa cartografica della reticolarità; Dalla topografia alla corografia)
Francesco De Pascale, Gli esiti della cartografia critica: dalle carte partecipative al Geoweb attraverso due casi studio
(Introduzione; Lo sviluppo delle carte partecipative; Il geoweb e la Neogeografia; Un CGIS sui luoghi del Risorgimento in Calabria; Conclusioni)
Angela Caruso, Cartografia e disturbi specifici di apprendimento. Superare i limiti
(Premessa; I Disturbi Specifici di Apprendimento. Superare i limiti; DSA e orientamento spaziale; La cartografia per i Disturbi Specifici di Apprendimento; Dalla teoria alla pratica: un percorso didattico di cartografia fantasy; Conclusioni)
Parte II. Rispettare e vivere i limiti come risorse dell'ambiente e del paesaggio
Benedetta Castiglioni, Il limite al centro. Riflessioni ed esperienze nel paesaggio di una valle prealpina
(Il Canale di Brenta, una valle "al limite"; Paesaggio, limite, tutela: alcune riflessioni; Il progetto "OP! Il paesaggio è una parte di te" e l'Osservatorio del Paesaggio del Canale di Brenta)
Mauro Pascolini, Dai limiti alla tutela: un percorso di condivisione
(Attorno ai limiti; Tutela e tutelare; Condivisione o conflitto?)
Dino Gavinelli, Giacomo Zanolin, Vivere ai limiti di un'area protetta. Pratiche territoriali sui confini del parco nazionale Val Grande
(Teorie e pratiche amministrative per pianificare un Parco; Teorie e pratiche territoriali per vivere in un Parco)
Danilo Cecchini, L'incontro sul limite. L'esperienza del Comitato "Adotta un terrazzamento" in Canale di Brenta
(Introduzione; Noi tra gli altri; In valle; Il confine; Conclusione)
Parte III. rasgredire e riprogettare i limiti
Stefano Allovio, I limiti della colonia. Riforme amministrative nell'Africa interlacustre e complessità socio-politica nativa
(Discontinuismi e continuismi coloniali; L'organizzazione territoriale nel Rwanda precoloniale e coloniale; L'organizzazione territoriale nel Burundi precoloniale e coloniale; Riflessioni conclusive)
Maura Benegiamo, Davide Cirillo, Agroindustria e pastorizia nel delta del fiume Senegal. Dai margini ai limiti dello sviluppo
(Introduzione; Centralità della pastorizia in Sahel; Ai margini dello sviluppo: la pastorizia nel Delta; I margini al centro dello sviluppo; Conclusioni)
Sara Bin, Francesco Visentin, Andate e ritorni: un viaggio postcoloniale. Intervista a Moulaye Niang
(Andate e ritorni; Murano e il muranero: la rottura del cerchio?; Conversazione sul limite; Limiti mobili)
Silvia Aru, Alessia De Nardi, Costruire i limiti. Le rappresentazioni dei migranti a Montebelluna e Cagliari nei giornali online
(Introduzione; Il caso veneto: la Tribuna di Treviso e la rappresentazione dei migranti a Montebelluna; Il caso sardo: l'Unione Sarda e la rappresentazione dei migranti a Cagliari; Osservazioni conclusive)
Andrea Soggiu, Trasgredire i limiti. Gli spazi LGBTIA
(Gli spazi LGBTIA; Gli spazi LGBTIA come superamento dei limiti degli spazi eteronormativi; La trasgressione dei limiti nello spazio pubblico eteronormativo: la spiaggia gay naturista; Conclusioni)
Parte IV. Sul limite
Sara Bin, Giovanni Donadelli, Daria Quatrida, Francesco Visentin, Leggere e guardare i limiti. Proposte condivise
Bibliografia.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi