Info Cult. Nuovi scenari di produzione e uso dell'informazione culturale
Contributi
Roberta Bartoletti, Chiara Checcaglini, Piero Dorfles, Fabio Giglietto, Federico Montanari, Giulia Raimondi
Collana
Livello
Saggi, scenari, interventi. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 192,      1a edizione  2015   (Codice editore 1097.1.7)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891727060

In breve
Una ricognizione sistematica della produzione e degli usi dell’informazione culturale di oggi e dei suoi effetti sociali. Quali sono le fonti di informazione privilegiate? Qual è il ruolo giocato da internet e dagli altri media digitali? C’è ancora bisogno di mediazione e mediatori? Quale piattaforma conta di più nelle scelte di consumo? Quali sono i temi che gli italiani associano maggiormente all’idea di cultura? Quali sono i nuovi linguaggi e i nuovi scenari?
Utili Link
Almanacco.cnr.it Recensione (di Andrea Lombardinilo)… Vedi...
La Gazzetta del Mezzogiorno Social? Terreno di coltura per la cultura (di Gino Dato)… Vedi...
Corriere della Sera Web, linguaggio diretto…(di Marco Bruna)… Vedi...
Presentazione del volume



Di cultura in Italia si parla molto. I dati sconfortanti sui consumi culturali e sul tasso di lettura hanno persino incrementato il discorso pubblico su questo tema. In generale sui media l'informazione culturale c'è.
E tuttavia è un campo ancora poco frequentato dalla riflessione sociologica e da ricerche empiriche.
Il volume vorrebbe anzitutto rispondere a questa parziale lacuna. Basato su un'articolata ricerca dell'Osservatorio News-Italia dell'Università di Urbino Carlo Bo su dati e fonti dell'informazione culturale, Info Cult offre una ricognizione sistematica della produzione e degli usi dell'informazione culturale di oggi e dei suoi effetti sociali. E risponde a molti degli interrogativi più urgenti della nostra contemporaneità: quali sono le fonti di informazione privilegiate? Qual è il ruolo giocato da internet e dagli altri media digitali? C'è ancora bisogno di mediazione e mediatori? Quale piattaforma conta di più nelle scelte di consumo? Quali sono i temi che gli italiani associano maggiormente all'idea di cultura? Quali sono i nuovi linguaggi e i nuovi scenari?

Lella Mazzoli
è ordinario di Sociologia della comunicazione all'Università di Urbino Carlo Bo, dove dirige l'Istituto per la Formazione al Giornalismo. Si occupa di mass media e media digitali. Dirige l'Osservatorio News-Italia ed è condirettore del Festival del giornalismo culturale di Urbino e Fano. Tra le sue pubblicazioni El viaje del self al social mapping: los nuevos medios entre dirección y posición (Castilla-La Mancha 2015), Cross-News. L'informazione dai talk show ai social media (Torino 2013) e Il patchwork mediale. Comunicazione e informazione fra media tradizionali e media digitali (Milano 2012).
Giorgio Zanchini è giornalista della Rai e conduttore radiofonico. Collabora con l'Università di Urbino Carlo Bo e con l'Istituto per la Formazione al Giornalismo dello stesso ateneo, si occupa in particolare di giornalismo culturale italiano e anglosassone. È condirettore del Festival del giornalismo culturale. Tra le sue pubblicazioni Un millimetro in là. Intervista a Marino Sinibaldi sulla cultura (Roma-Bari 2014) e Il giornalismo culturale (Roma 2013).
Piero Dorfles è giornalista e critico letterario. Tra le sue pubblicazioni I cento libri che rendono più ricca la nostra vita (Milano 2014) e Il ritorno del dinosauro. Una difesa della cultura (Milano 2010).
Il suo blog: poveroconiglio.blogspot.it.

Indice

Piero Dorfles, Le culture divergenti
Lella Mazzoli, Giorgio Zanchini, Perché Info Cult
Lella Mazzoli, Giulia Raimondi, Conoscere, condividere, partecipare: l'Info Cult come benessere della società
(Uno sguardo alla cultura; Ibridazioni di contenuti, mezzi o linguaggi?; Cosa piace agli italiani: consumi e gusti culturali; Il futuro della (e per la) cultura: la popolazione giovane)
Giorgio Zanchini, Mappe culturali: in cerca di bussole per nuovi mondi
(Che cosa sta accadendo; I concetti. Cultura e informazione; È possibile disegnare mappe?; Le reazioni alla rivoluzione; La pratica)
Roberta Bartoletti, Informazione e consumi culturali: scenari di uso
(Introduzione; Cultura e consumi culturali: una rassegna della letteratura internazionale e il caso italiano; Origine e attualità dell'onnivoro culturale; La molteplicità delle figure di onnivoro, tra consumi e informazione culturale; Informazione e capitale culturale, consumatori onnivori e voraci nei dati dell'Osservatorio News-Italia; Conclusioni e domande aperte)
Federico Montanari, Stili, pratiche, forme e strategie nella ricerca di informazione culturale: fra offline e online
(Le trasformazioni dell'informazione culturale fra media tradizionali e digitali. Un confronto con la letteratura scientifica; Ipotesi di lavoro; A partire dalla ricerca e dalle interviste: temi e valori emergenti; Generalizzazioni e sintesi. Alcune ipotesi emergenti sulle possibili tipologie di utilizzatori dell'informazione culturale; Tipi e stili nell'info-cultura. Ipotesi di lavoro ulteriori, a partire dalle domande della ricerca)
Fabio Giglietto, Il futuro dell'industria culturale fra algoritmi sociali, democrazia e nuovi autoritarismi
(Introduzione; Verso una cultura degli algoritmi sociali; Privacy e personalizzazione: un gioco a somma zero; Filter bubble; Conclusioni)
Chiara Checcaglini, L'informazione culturale e il settore audiovisivo: il caso dell'informazione cinematografica
(Dall'informazione culturale all'informazione cinematografica; L'informazione cinematografica online e offline; I siti cinematografici più letti in Italia; "MYmovies": "il cinema dalla parte del pubblico"; Conclusioni)
Riferimenti bibliografici
Notizie sugli autori.