Il lavoro difficile

Rapporto 2004 sul mercato del lavoro e le politiche del lavoro in provincia di Milano

Autori e curatori
Contributi
Marta Aiello, Cesare Benzi, Ermes Cavicchini, Sabrina Colombo, Elena Corsi, Paola Fugagnoli, Giancarlo Fumagalli, Silvana Greco, Livio Lo Verso, Elisa Lorenzi, Rossella Ronchi, Cecilia Scanzaroli, Jacopo Umidi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 480,      1a edizione  2005   (Codice editore 1137.43)

Il lavoro difficile. Rapporto 2004 sul mercato del lavoro e le politiche del lavoro in provincia di Milano
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 39,00
Disponibilità: Limitata


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846470805

Presentazione del volume

A prima vista, i dati relativi al lavoro in provincia di Milano nel 2004 sembrerebbero dimostrare che il mercato del lavoro milanese confermi una vivacità che testimonia una sostanziale capacità di tenuta del sistema produttivo locale, pur in presenza di un contesto macroeconomico sicuramente avverso. Un'analisi più dettagliata di questi dati evidenzia però il carattere ingannevole del dato statistico aggregato. Se da un lato il tasso di disoccupazione si conferma sostanzialmente agli stessi livelli degli ultimi anni, aumenta sensibilmente, anche rispetto all'anno precedente, il peso del lavoro atipico. Cresce l'incidenza dei contratti a termine e ancor più di quelli a tempo parziale, che nel 2004 rappresentano ormai più del 20% del totale degli avviati e sembra manifestarsi un cambiamento nelle caratteristiche di questa modalità contrattuale, che da strumento di inserimento lavorativo per donne e giovani si va caratterizzando sempre più come un potente strumento di flessibilità, di cui le imprese si avvalgono in un momento di grave incertezza sulle prospettive dell'andamento economico. L'espansione dell'area del lavoro flessibile, dunque sembra sì aver consentito ad un numero maggiore di persone di affacciarsi sul mercato del lavoro, ma dall'altro ha teso ad aumentare il grado di precarizzazione del lavoro, la cui ricerca in forme stabili si è fatta ancor più difficile e faticosa rispetto agli ultimi anni, com'è palesato dalla sensibile riduzione del peso degli avviamenti con contratti di lavoro standard. Il mercato del lavoro milanese sembra connotarsi sempre più come una realtà in cui si va affievolendo il senso della dicotomia occupazione/disoccupazione, ma in cui cresce una sorta di continuum fatto di occasioni di lavoro discontinue o più incerte nella durata, un processo che interessa sempre più anche i lavoratori appartenenti alle classi centrali d'età e in modi diversi i giovani. Il peggioramento qualitativo delle opportunità lavorative offerte si accompagna anche ad altri segnali preoccupanti fra i quali spicca la diminuzione del peso dell'industria, dopo un biennio in cui questo settore era parso come quello che reggeva meglio nel sistema produttivo locale e il coinvolgimento anche dei profili professionali più qualificati nei processi di flessibilizzazione del mercato del lavoro.
L'insieme di questi dati sembra quindi confermare un quadro di lento ma progressivo deterioramento della situazione del lavoro milanese, nonostante gli interventi di riforma introdotti nel 2003, che non hanno sino ad oggi prodotto significativi risultati e che, se si esclude infatti il part-time, non sembrano aver incontrato il favore da parte delle imprese.
Il Rapporto qui presentato cerca di fornire una ricostruzione delle principali dinamiche richiamate, avvalendosi come ogni anno dei dati amministrativi dei Centri per l'Impiego, con i quali sono state condotte ulteriori sperimentazioni come quelle le cessazioni dei rapporti di lavoro e le ricostruzioni dei percorsi lavorativi. Il volume include inoltre una serie di contributi analitici su alcune tipologie di attori del nuovo mercato del lavoro riformato, e per la prima volta ospita una sorta di forum che propone una serie di spunti di riflessione che vorrebbero concorrere alla ideazione di una agenda delle politiche pubbliche in materia di lavoro.

Indice


Luigi Vimercati, Presentazione
Il 2004: continuità e cambiamenti nel mercato del lavoro milanese
Parte I. Economia e lavoro a Milano nel corso del 2004
Lo scenario economico internazionale e la congiuntura provinciale
Il lavoro difficile: il mercato del lavoro milanese nel 2004
Parte II. Il lavoro a Milano: chi lo trova, chi lo cerca, chi l'ha perso
La diffusione delle nuove forme contrattuali nelle imprese milanesi
Fra le pieghe del successo: il lavoro part-time in provincia di Milano nel 2004
I percorsi di reinserimento nel mercato del lavoro attraverso l'analisi dei dati dei Centri per l'Impiego: una prima sperimentazione
La diffusione degli stage nel mercato del lavoro milanese. Il caso dell'Ufficio Tirocini della Provincia di Milano
I lavoratori in mobilità in provincia di Milano
Parte III. I territori. Politiche di sviluppo locale e dinamiche dei mercati locali del lavoro
Rispondere alla crisi. Analisi del contesto socio-economico dell'area di Abbiategrasso e possibili scenari di sviluppo
Qualcosa cova sotto la cenere? Ipotesi di lettura delle recenti dinamiche economiche dell'Alto Milanese analizzate utilizzando i dati degli avviamenti e delle cessazioni
Parte IV. Gli attori del nuovo mercato del lavoro
Le società di ricerca e selezione del personale dopo la riforma Biagi
Il supporto alla ricollocazione professionale. Le società di outplacement
Le società di intermediazione privata
Parte V. Approfondimenti tematici
Le transizioni tra lavoro e attività di cura dei lavoratori dei call centre nel settore bancario e delle telecomunicazioni
La diffusione territoriale delle imprese milanesi