Al di là del cliché

Rappresentazioni multiculturali e transgeografiche del femminile

Contributi
Claude Ber, Michel Bertrand, Alberto Bramati, Tiziana Carpi, Paola Catenaccio, Giorgio Fabio Colombo, Carmen Covito, Lidia De Michelis, Donatella Dolcini, Jean-Paul Dufiet, Jolanda Guardi, Ida Marinelli, Afifa Marzouki, Samir Marzouki, Silvia Pozzi, Maria Pia Quintavalla, Paola Scrolavezza
Collana
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 256,      1a edizione  2012   (Codice editore 1260.84)

Al di là del cliché. Rappresentazioni multiculturali e transgeografiche del femminile
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 33,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820403317
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 23,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856876659
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

Un lavoro corale, di studiosi e artisti internazionali che hanno visitato alcune “stanze delle donne”, ritagliando scenari e declinazioni del femminile in una narrazione distinta per tematiche piuttosto che per aree geografiche o andamento storico-cronologico.

Presentazione del volume

Nel 1929, in A room of one's own , Virginia Woolf sollevava nel proprio pubblico femminile un interrogativo sconcertante nella sua immediatezza: "Vi rendete conto di essere, forse, l'animale più discusso dell'universo?".
Nel corso della Storia, l'animale più discusso è stato in prevalenza narrato dagli uomini, di volta in volta come loro antitesi, proiezione, desiderio; allorquando si sono raccontate da sé, le donne hanno talvolta ceduto alla tentazione di descriversi come vittime della storia androcentrica, della Natura, finanche di se stesse. In ogni caso, esse sono state (e sono) vittime di una semplificazione trasversale, che coinvolge ogni area culturale del mondo e che, per bisogno di immediatezza, fa ricorso a stereotipi consolidati.
Questo volume è un lavoro corale, di studiosi e artisti internazionali che hanno visitato alcune "stanze delle donne", ritagliando scenari e declinazioni del femminile in una narrazione distinta per tematiche piuttosto che per aree geografiche o andamento storico-cronologico.
Un racconto intermittente di fotogrammi e colori che, confluendo di volta in volta nelle stanze successive, compone un caleidoscopio di forme, simmetriche ma di continuo variabili.

Marie-Christine Jullion è professore ordinario di Lingua e traduzione francese presso l'Università degli Studi di Milano e direttrice del Dipartimento di Lingue e Culture contemporanee della Facoltà di Scienze politiche. Le sue ricerche e pubblicazioni vertono sulle lingue speciali, in particolare su quelle delle scienze politiche e dell'ecologia.
Clara Bulfoni è ricercatore confermato di Lingue e letterature della Cina e dell'Asia Sud-Orientale presso l'Università degli Studi di Milano. Insegna Lingua cinese nel Corso di laurea triennale in Mediazione linguistica e culturale. È autrice di saggi sulla linguistica e di manuali per l'insegnamento della lingua cinese.
Virginia Sica è ricercatore confermato di Lingua e letteratura giapponese presso l'Università degli Studi di Milano. Ha insegnato per alcuni anni presso la Facoltà di Lettere dell'Università del Tohoku (Sendai, Giappone). I suoi ambiti di ricerca privilegiati sono il periodo Kamakura-Ashikaga (1185-1568) e la materia artistica dello scrittore Mishima Yukio (1925-1970).

Indice



Marie-Christine Jullion, Prèface. Pour que la femme ne soit plus victime des préjugés Marie-Christine Jullion, Introduzione. Al di là degli stereotipi nel mondo femminile
Donne e narrativa
Michel Bertrand, Autobiographie, autofiction et jalousie hystérique: Annie Ernaux et Chloé Delaume
Jolanda Guardi,
Letteratura-azione: Nisyan dot com di A?lam Mustaganmi
Afifa Marzouki, "Vertu des femmes, honneur des hommes": La retournée de Fawzia Zouari
Samir Marzouki, Féminité et personnages féminins dans Chronique frontalière de Emna Belhaj Yahia
Silvia Pozzi,
La disgregazione dell'uomo nella "piccola" scrittura femminile cinese: tra critica sociale e costruzione dell'identità
Paola Scrolavezza,
Donne senza fissa dimora: scrittura e libertà secondo Hayashi Fumiko (1903-1951)
Donne di libri, pennelli e sipari
Claude Ber, Un voile qui dévoile
Carmen Covito, Artemisia Gentileschi. Il cliché della vittima ribelle
Virginia Sica, Ida Marinelli,
Renée de Sade. Da Mishima Yukio a Ferdinando Bruni, con la voce di Ida Marinelli
Maria Pia Quintavalla,
Romanzo familiare, poema materno
Donne e istituzioni
Giorgio Fabio Colombo, Suzuki Setsuko e le altre: la lotta per le pari opportunità nel diritto del lavoro in Giappone
Lidia De Michelis,
Margaret Thatcher e il fascino "ferrigno" dell'identità femminile
Donatella Dolcini,
Donne di potere in India: il trucco e la politica
Virginia Sica,
Hojo Masako. Donne e potere nel Giappone premoderno
Donne e linguaggio
Alberto Bramati, La "nature" de la "femme". Réflexions sur deux termes généraux
Clara Bulfoni,
L'interpretazione di nu ?nei caratteri composti
Tiziana Carpi,
Joseigo: un linguaggio femminile "stereotipato" in via di estinzione?
Paola Catenaccio,
Donne e discorso politico americano. Una prospettiva linguistica
Jean-Paul Dufiet,
Le discours comique des artistes femmes de music-hall
Gli Autori.