Il disincanto costituzionale. Profili teorici della laicità
Autori e curatori
Livello
Saggi, scenari, interventi. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 176,      1a edizione  2015   (Codice editore 1590.1.3)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891712011

In breve
La vocazione laica del costituzionalismo avrà vita lunga o breve? In tempi di fondamentalismi religiosi vari, più o meno cruenti, di “teologie senza Dio” e di sedicenti “religioni secolari”, quale significato deve attribuirsi alla parola “laicità”? Disvelando alcuni malintesi teorici, il saggio indaga i motivi per cui anche le costituzioni laiche sembrano cedere alla nostalgia di Dio e le ragioni per le quali esse dovrebbero invece imparare a star sole.
Utili Link
Il Sole 24 Ore Rispetto laico dei valori (di Sebatiano Maffettone)… Vedi...
Presentazione del volume

La vocazione laica del costituzionalismo avrà lunga o breve vita?
In tempi di fondamentalismi religiosi vari, più o meno cruenti, di "teologie senza Dio" e di sedicenti "religioni secolari", quale significato deve attribuirsi alla parola "laicità"?
"Non occorre più ricorrere alla magia per dominare o ingraziarsi gli spiriti, come fa il selvaggio per il quale esistono simili potenze. A ciò sopperiscono la ragione e i mezzi tecnici". Il concetto di disincanto, così espresso da Weber, è avvicinato, in questo saggio, a quello di costituzione. Disincanto costituzionale sta qui per laicità, intesa come principio giuridico che impone la separazione tra stato e chiese, la libertà di e dalla religione. Illuminismo e costituzionalismo avevano promesso che sfera pubblica e decisione politica sarebbero state governate da un principio di ragione.
Ma allora perché si permette alle religioni d'insidiare il muro di separazione tra stato e chiese? E perché gli stati si lasciano corteggiare dalle religioni? Disvelando alcuni malintesi teorici, e con l'aiuto di qualche buon "classico", il saggio indaga i motivi per cui anche le costituzioni laiche sembrano cedere alla nostalgia di Dio e le ragioni per le quali esse dovrebbero invece imparare a star sole.

Daniela Bifulco insegna Diritto pubblico comparato presso il Dipartimento di Giurisprudenza della Seconda Università di Napoli. Per FrancoAngeli ha pubblicato Negare l'evidenza. Diritto e storia di fronte alla "menzogna di Auschwitz" (2012) e curato con F. Cortese Diritto e cultura in Israele (2014) di M. Mautner. Ha scritto di diritti sociali, di giustizia, deontologia e di interpretazione giuridica. Per Cortina ha curato Del Giudicare. Saggio sul rituale giudiziario (2007) e Chiudere i conti con la storia. Colonizzazione, schiavitù, Shoah (2009) di A. Garapon; per Giappichelli Immagini di giustizia di R. Jacob (di prossima pubblicazione).

Indice
Introduzione
Separazioni
(Ouverture; Tutto ebbe inizio a Roma; Sulle radici storico-ideologiche della separazione tra diritto e religione Il debito del costituzionalismo laico verso Hobbes, Locke, Spinoza; I vantaggi del divorzio tra diritto e religione. La tolleranza imperfetta di Locke; Sapere aude! L'Illuminismo secondo Kant; Il principio di separazione stato-chiese nel costituzionalismo di fine Settecento)
Inciampi
(Il preambolo del GG: un ospite inatteso in cabina di comando; Chi ha invitato Dio? E perché?; La teologia e il politico: una simmetrica contrapposizione; Secolarizzare l'idea di Dio?; La secolarizzazione come capro espiatorio; La provvidenziale democrazia)
Commistioni
(Può ancora sostenersi che il costituzionalismo sia il prodotto necessario dell'Illuminismo?; Il costituzionalismo come prodotto necessario dell'Illuminismo e della sua filosofia della storia (ovvero una filosofia del progresso); Altri illuminismi, altri costituzionalismi; L'Illuminismo come "religione secolare"? La risposta di Kelsen alle "tentazioni" escatologiche; Interludio: insegnamento della biologia e teologia della storia; L'ateismo come religione secolare? Kelsen vs. Dworkin; L'ateismo come confessione religiosa?; L'eterna latenza della teologia politica; Esercizi spirituali delle corti: il tentativo di legittimare teologicamente secolarizzazione e laicità)
Conclusioni
Bibliografia
Indice dei nomi.