Coscienza individuale e coscienza collettiva nella società contemporanea

Un approccio filosofico

Autori e curatori
Contributi
Paolo Bellinazzi, Gianfranco Boiani, Cecilia Casadei, Paola D'Ignazi, Cintia Faraco, Valerio Marconi, Antonio Nanni, Marco Sgattoni, Roberto Spinelli, Nicolò Tarquini, Maria Rosa Tomasello
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 170,      1a edizione  2020   (Codice editore 1420.212)

Coscienza individuale e coscienza collettiva nella società contemporanea Un approccio filosofico
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835106647
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 16,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788835104063
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve

L’applicazione positiva delle decisioni prese in coscienza si traduce in azioni che sottintendono il rispetto verso gli altri e l’esercizio di quella che gli antichi chiamavano “virtù”, e che recentemente è stata definita come una forma di “intelligenza sociale”, che permette di vivere in armonia con se stessi e con gli altri – il che porta ad essere felici. Riflettere sulla coscienza significa dunque riflettere sulla virtù e sulla felicità, ovvero su quel cemento morale che tiene insieme l’edificio dell’umana società.

Presentazione del volume

Il termine "coscienza" ha diversi significati e interseca le relazioni tra individui e tra individuo e società. Coscienza è anche una forma di auto-consapevolezza, secondo una linea che può essere retro-spettiva o pro-spettiva, rispetto al proprio stato interiore e alla consistenza morale delle decisioni prese e/o da prendere riguardo a circostanze e situazioni che hanno ricadute su di sé e sugli altri. Tali "altri" possono essere sia gli altri significativi per il singolo individuo, cioè le persone più vicine, oppure gli altri in un senso più ampio, fino a comprendere il prossimo in generale.
L'applicazione positiva delle decisioni prese in coscienza si traduce in azioni che sottintendono il rispetto verso gli altri e l'esercizio di quella che gli antichi chiamavano "virtù" e che recentemente è stata definita come una forma di "intelligenza sociale", che permette di vivere in armonia con se stessi e con gli altri - il che porta ad essere felici. Riflettere ancora sulla coscienza significa dunque riflettere sulla virtù e sulla felicità, ovvero su quel cemento morale che tiene insieme l'edificio dell'umana società.
Il volume è suddiviso in due parti: Riflessioni filosofiche in prospettiva interdisciplinare e Alcune "lezioni" ricavabili dalla storia della filosofia; nasce dalla collaborazione tra la Sezione SFI di Urbino (Società Filosofica Italiana) e il Centro di Studi Filosofici dell'Unilit di Pesaro (l'Università Libera Itinerante, collegata all'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo).

Con contributi di: Paolo Bellinazzi, Gianfranco Boiani, Cecilia Casadei, Paola D'Ignazi, Cintia Faraco, Valerio Marconi, Antonio Nanni, Marco Sgattoni, Roberto Spinelli, Nicolò Tarquini, Maria Rosa Tomasello

Raffaella Santi è professoressa associata di Storia della filosofia presso l'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo ed è Presidente della Sezione di Urbino della SFI: Società Filosofica Italiana.

Indice

Raffaella Santi, Perché riflettere ancora sulla coscienza?
Parte I. Riflessioni filosofiche in prospettiva interdisciplinare
Paola D'Ignazi, Coscienza di sé e identità (multi)culturale. Uno sguardo filosofico sui conflitti del nostro tempo
Antonio Nanni,
Riflessioni sulla coscienza nell'ottica delle neuroscienze
Roberto Spinelli, Coscienza e soggettività in psicoanalisi: la struttura del soggetto lacaniano
Maria Rosa Tomasello,
La coscienza e l'esperienza del dolore
Cecilia Casadei,
L'arte tra coscienza individuale e coscienza collettiva
Gianfranco Boiani, Coscienza del tempo e tempo della coscienza: cinema, biografia, memoria
Parte II. Alcune "lezioni" ricavabili dalla storia della filosofia
Marco Sgattoni, Tra concordia e tolleranza: l'"aurore sanglante" della libertà di coscienza e la politica di Michel de L'Hospital
Cintia Faraco,
Coscienza e legge nella filosofia politica di Gabriel Vázquez
Paolo Bellinazzi,
Perché la coscienza infelice? Da G.W.F. Hegel a Karl Marx
Valerio Marconi,
Il pensiero come dialogo: la logica della coscienza in Charles Sanders Peirce
Nicolò Tarquini,
Coscienza individuale e complessità tecnologica: le riflessioni di Guüther Anders
Notizie sugli autori.






Pubblicità