Ospedali e salute. Terzo Rapporto Annuale 2005

Autori e curatori
Contributi
Emmanuel Miraglia
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 288,      1a edizione  2006   (Codice editore 35.3)

Ospedali e salute. Terzo Rapporto Annuale 2005
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846472595

Presentazione del volume

È ormai il terzo anno che il Rapporto "Ospedali & Salute" svolge la sua funzione di presidio nei confronti di una realtà importante come quella dei servizi ospedalieri. Essi meritano molta attenzione perché danno vita ad una serie di flussi importanti che alimentano il sistema: quello dei 12 milioni di cittadini innanzitutto che varcano annualmente le soglie dei diversi istituti (pubblici, privati accreditati e non); quello dei 634 mila operatori che forniscono la loro professionalità al sistema; quello delle risorse finanziarie (47 miliardi di euro solo di spesa pubblica cui si aggiunge la componente di spesa privata).
Il pregio di un Rapporto Annuale è quello di tracciare un percorso fatto di costante interpretazione e contemporaneamente di servizio, da mettere a disposizione degli operatori, dei decisori, della pubblica opinione. Esso consente, attraverso le sue quattro Parti (i fenomeni chiave dell'anno, la congiuntura delle famiglie italiane nell'ospedalità, gli indicatori statistici e l'ospedalità nella stampa quotidiana) di poter misurare il polso dell'evoluzione della macchina ospedaliera come pure delle opinioni dei cittadini in proposito.
Anche quest'anno si dà conto del lento avanzare di una logica di sistema misto pubblico/privato che sappia contemperare una maggiore libertà di sceltà da parte delle persone, una tendenziale parità di trattamento tra strutture pubbliche e strutture private, da parte dei diversi Sistemi Sanitari Regionali, un giusto rapporto tra livelli di spesa e qualità elevata delle prestazioni fornite.
L'aspirazione ad un sistema misto viene messa in evidenza tra l'altro dall'opinione dei cittadini, intervistati nella consueta indagine congiunturale, i quali mostrano una propensione crescente verso servizi ospedalieri concepiti come un unico sistema, da usare al meglio a seconda delle proprie esigenze, indipendentemente dal fatto che si tratti di istituti pubblici o privati. Anche a costo di affrontare qualche onere aggiuntivo in cambio di un allargamento delle proprie possibilità di scelta.
Infine sono stati calcolati per il secondo anno i tre Indici Aiop sull'andamento dell'ospedalità italiana: l'Indice sullo sviluppo di un sistema misto delle strutture di ricovero, l'Indice di soddisfazione percepita da parte dei cittadini sui servizi ospedalieri e l'Indice sulla libertà di scelta dei cittadini stessi.

Ermeneia - Studi & Strategie di Sistema
è una società specializzata che si occupa di analisi e di consulenza per le associazioni di categoria e per i soggetti pubblici e privati, ivi compreso quelli del settore dei servizi per la salute, impegnati a ridisegnare la loro presenza nello sviluppo dell'economia e del sociale.
AIOP - Associazione Italiana Ospedalità Privata è un'associazione di categoria che rappresenta le case di cura private, accreditate e non, presenti in tutte le Regioni italiane e che occupa circa 65 mila addetti, assicurando il 16% delle prestazioni ospedaliere del Servizio Sanitario Nazionale.

Indice


Emmanuel Miraglia, Presentazione
Parte I. Verso un sistema misto pubblico/privato
L'ospedale come luogo di esperienza sociale
Lo sviluppo graduale di una logica di sistema
Il privato come luogo di esercizio della qualità
Un buon investimento delle risorse pubbliche
Una nicchia di risparmio non attuato
Logica di bilancio o logica di cura?
Le differenze di trattamento tra pubblico e privato
Devolution e diritti del cittadino
Il lento processo evolutivo dei sistemi ospedalieri in Europa
Un set di indicatori per l'offerta e per la domanda di servizi ospedalieri
Parte II. La congiuntura sulla famiglia italiana e l'ospedalità
L'affinarsi progressivo dei comportamenti
(La spinta ad intensificare le prestazioni richieste; L'allargamento del ventaglio di scelta; Una decisione fondata sull'esperienza)
La valutazione delle opportunità di ricovero
(Una buona soddisfazione, specie nel privato; La tendenza a confermare gli accessi già sperimentati; Una conoscenza in lenta crescita delle alternative a disposizione; Un potenziale di domanda di libera scelta; Un'opinione generalmente buona sugli ospedali italiani)
I passi verso un sistema ospedaliero misto
(L'intreccio pubblico/privato come obiettivo da consolidare; Devolution e diritto di cura extraterritoriale; La percezione del valore dell'opzione tra pubblico e privato; La ricerca di una politica di sostegno appropriata)
Parte III. Gli indicatori statistici
I dati di struttura
(La presenza di istituti pubblici e di istituti privati accreditati; La distribuzione dei posti letto; La dotazione di apparecchiature)
I dati di attività
(Le giornate di degenza e il tasso di utilizzo; Le tipologie di ricoveri e dei dimessi; I DRG più diffusi; Le attività classificate a seconda delle maggiori categorie diagnostiche; Le attività classificate per disciplina)
Le informazioni sul personale
(L'andamento degli addetti nel tempo; La situazione degli addetti per territorio)
I dati di spesa
(L'andamento dei flussi nel tempo; La spesa sanitaria a confronto)
Parte IV. L'ospedalità negli organi di stampa
Un'attenzione più pronunciata per i temi sanitari
Gli ospedali al primo posto
Ospedalità privata come partner per un pubblico in cerca di efficienza
Non solo spesa per i temi sanitari
La centralità del rinnovo contrattuale per le risorse umane
La presenza dei fenomeni di malasanità
Il farmaco come esercizio di una relazionalità allargata
Il mutamento dei bisogni sociali come traino dei nuovi servizi)
Allegati
La metodologia seguita
Indice delle tabelle strutturali
Le tabelle di dettaglio sulla congiuntura famiglie italiane e ospedalità.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi

Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access


Pubblicità