L'identità creativa. Psicoanalisi e neuroscienze del pensiero simbolico e metaforico
Autori e curatori
Contributi
Anna Ferruta
Livello
Textbook, strumenti didattici. Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti
Dati
pp. 322,      1a edizione  2016   (Codice editore 1215.1.38)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 35,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891740366

In breve
Il libro presenta le differenti ipotesi psicoanalitiche, insieme alle attuali conoscenze neuro-scientifiche e antropologiche, sullo sviluppo della creatività artistica e del simbolismo metaforico e convenzionale, come l’acquisizione del linguaggio.
Utili Link
La Lettura (Corriere) Creativi per sconfiggere l'angoscia…(di Giancarlo Dimaggio)… Vedi...
Presentazione del volume

Il simbolismo immaginativo costituisce l'idioma, la "lingua fondamentale", attraverso la quale sogniamo, parliamo a noi stessi e manteniamo il contatto con gli altri grazie allo scambio di identificazioni. Il simbolismo convenzionale del linguaggio e del simbolo matematico permettono, attraverso la costituzione del Processo Secondario, l'apertura delle porte del mondo culturale e sociale ad un livello più astratto. Le neuroscienze, una volta portate nella stanza d'analisi e confrontate con la tecnica psicoanalitica, generano nuove prospettive ma, soprattutto, confermano e spiegano, in maniera ancor più approfondita, molti aspetti della costruzione teorica freudiana e della sua prassi terapeutica. Il libro presenta le differenti ipotesi psicoanalitiche sullo sviluppo della creatività artistica e del simbolismo metaforico e convenzionale, come l'acquisizione del linguaggio. La conquista del Processo Secondario e della Coscienza da parte di ogni bambino è un percorso graduale, lento, complicato e mai del tutto completato, che consente di uscire dal proprio mondo privato e idiosincrasico per poter usufruire dei vantaggi del rimanere in "contatto" identificativo con gli altri.
La creatività è un aspetto costitutivo dell'identità e della soggettivazione, che prende vita quando la mente riesce a fare proprie le percezioni e le sensazioni corporee e si completa con la creazione di quel magnifico ponte, per comunicare con se stessi e con gli altri individui, che è l'oggetto artistico.

Stefano Calamandrei, psichiatra, coordinatore di strutture riabilitative per giovani psicotici, è psicoanalista membro ordinario SPI, esperto di terapia gruppale, di adolescenti e di patologie gravi, è autore di numerosi articoli ed interventi su psicoanalisi e arte, patologie gravi, disagio giovanile e sua prevenzione.

Indice
Anna Ferruta, Prefazione. L'identità creativa
Introduzione
Perché gli psicoanalisti usano il lettino
(La ricerca neuro-scientifica e la genetica; L'inconscio e la coscienza; Tra narcisismo ed intersoggettività; Percepire è soggettivare; La continuità dell'essere; La corteccia pre-frontale e le Zone di Convergenza; La cognizione emotiva; La memoria di lavoro; La capacità di astrarre per dare stabilità al Sé; La memoria; La cognizione emotiva e il simbolismo; I neuroni specchio; Lo stato di "default" della mente e il superamento del modello dell'arco riflesso; L'uso del lettino e la differenza tra psicoterapia e psicoanalisi)
Breve storia psicoanalitica della socialità umana
(L'uso del fuoco e l'invenzione della cottura degli alimenti; La creazione dell'intenzionalità congiunta; L'organizzazione gruppale del genere Homo e lo sviluppo sociale del linguaggio; L'invenzione dell'incesto e la rivoluzione sintattica; La genetica incontra la cultura: il pensiero metaforico; L'educazione della prole; La psicologia dei gruppi e le istituzioni sociali da Freud ad oggi; Il "patto della rinuncia"; La coscienza nasce in quanto prodotto culturale; Le Istituzioni, deposito silenzioso della mente collettiva; La strada della costruzione dell'essere dell'Homo Sapiens)
Una casa senza porta: la soggettivazione
(Il primo narcisismo: le "forme vitali"; La preoccupazione materna primaria; Dalle neuro-scienze al "vissuto"; La creazione di una scena interiore ed il bisogno di continuità dell'esistenza; Il darwinismo neurale; La metafora cognitiva inconscia e la creazione di significato: la Nachtraglichkeit; Il pensiero metaforico-cognitivo e il primo simbolismo: universale e non-convenzionale; L'estetico piacere di funzionare; L'esempio anoressico di un'inefficace metaforizzazione; La creatività e il narcisismo sano; La costruzione di se stessi)
L'Intersoggettività, il Processo Secondario e il Simbolismo
(La prima intersoggettività: il Sé ausiliario o Sosia; La percezione-identificazione simbolica; Il simbolismo in psicoanalisi; I processi di pensiero; L'atto di sovrainvestimento; Il sovrainvestimento come atto di percezione interna; Il simbolismo degli schizofrenici; Il simbolismo secondo Ernest Jones; Il simbolismo secondo la teoria Kleiniana; Il simbolismo in Bion; Il simbolo secondo Winnicott; Il luogo dove avviene l'esperienza culturale; La sublimazione; L'insegnamento di "Lutto e Melanconia" per la costituzione della base narcisistica; L'identificazione nel Lutto e il Processo Secondario; Il processo elaborativo metaforico)
L'acquisizione del simbolo: il linguaggio
(La formazione del simbolo; Il divenire del Verbo: il Logos o Processo Secondario; Il pensiero come conquista sociale; Il principio di realtà è il conoscere insieme; L'attitudine contemplativa condivisa e il simbolo; La raffigurazione vocale)
L'identificazione, dall'autoerotismo alla costruzione della propria vita
(L'autoerotismo; Creare la propria identità; L'identificazione; L'identificazione in "L'Io e l'Es"; La soggettivazione; Lo sviluppo dell'identità dopo Freud; Il legame identificativo e la telepatia; Identificazione e schizofrenia; Identificazione e neuro-scienze)
Creatività: tra il Sé e gli altri
(Il senso di realtà come prodotto sociale; La creatività freudiana; La creatività narcisistica; Il transfert creativo; La creatività di Winnicott; L'area transizionale adulta: la cultura; L'identità creativa; Il componente della coppia che funziona come holding; La creatività riparativa della Klein e dei post-kleiniani; La creatività perversa: Chasseguet-Smirgel; La creatività per Marion Milner; La creatività oggi)
La vocazione dell'identità creativa
Immagini
Bibliografia.


  • Psichiatria, neuropsichiatria, neuroscienze, psicofisiologia, psicobiologia
  • Psicologia cognitiva, psicologia della personalità
  • Psicologia sociale, di comunità, politica, ambientale, dell'emergenza, del turismo
  • Scienze e tecniche psicologiche per l'intervento clinico

    Scienze e tecniche psicologiche per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni

    Teoria e tecniche dei test, psicometria, psicodiagnostica

    Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione

    Teoria e tecniche per la riabilitazione

    Prevenzione e clinica delle dipendenze

    Psicologia giuridica, investigativa, forense, criminale, psicologia della devianza

    Psicologia della salute, psicologia del benessere, educazione al benessere

    Psicologia dell’arte e della letteratura, psicologia estetica

    Storia della psicologia

    Professione psicologo

    Servizi di cura


    Pubblicità