Nazionalizzazione e amministrazione tra le due Guerre

Il Ministero per le Terre Liberate tra tensioni politiche e crisi istituzionali

Contributi
Alessandro Agrì, Emanuele Bugli, Ester Capuzzo, Giuseppe de Vergottini, Marco Panato, Lorenzo Salimbeni, Alberto Sciumè, Giovanni Zucchini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 214,      1a edizione  2021   (Codice editore 1590.2.8)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Nazionalizzazione e amministrazione tra le due Guerre Il Ministero per le Terre Liberate tra tensioni politiche e crisi istituzionali
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 28,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 23,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 23,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve

Il volume ricostruisce le vicende del Ministero per le Terre Liberate dal Nemico, istituito tra le due Guerre con il precipuo intento di dirigere e coordinare in maniera unitaria la ricostruzione del sistema economico e produttivo delle Nuove Province (Trento con l’Alto Adige e Trieste con l’Istria, la Venezia Giulia e il Quarnaro). Un compito ambizioso, ma particolarmente delicato, che implicava la capacità di uniformare gli statuti giuridici senza perdere le peculiarità locali. Non mancarono inchieste parlamentari, scandali e tentativi di boicottaggio. Pagine di storia istituzionale che si ripeteranno più volte nel Novecento italiano.

Utili Link

Letture.org Intervista agli autori… Vedi...

Presentazione del volume

Il Ministero per le Terre Liberate dal Nemico venne istituito con il precipuo intento di dirigere e coordinare in maniera unitaria la ricostruzione del sistema economico e produttivo delle cosiddette Nuove Province, ossia Trento con l'Alto Adige e Trieste con l'Istria, la Venezia Giulia e il Quarnaro. Con il tempo furono attribuite ulteriori funzioni, tra cui la stabilizzazione degli oltre 600.000 profughi, la gestione dei risarcimenti dei danni di guerra subiti dai cittadini dei territori acquisiti, la riedificazione delle opere pubbliche nelle zone direttamente coinvolte nei conflitti.
Un compito delicato quanto ambizioso. La Grande guerra aveva, infatti, amplificato quelle tensioni sociali e la crisi del sistema della rappresentanza politica che ormai serpeggiavano dalla fine dell'Ottocento.
Fin da subito il contesto in cui si trovò ad operare il Ministero per le Terre Liberate si rivelò un terreno particolarmente scivoloso, che implicava la capacità di uniformare gli statuti giuridici senza perdere le peculiarità locali - a ciò si aggiunga che gran parte della legislazione bellica rimase in vigore anche a conflitto concluso, alimentando le connessioni tra regime ordinario e quello emergenziale.
Non mancarono inchieste parlamentari, scandali e tentativi di boicottaggio.
Pagine di storia istituzionale che si ripeteranno più volte nel Novecento italiano. Tra nazionalizzazione e amministrazione, per l'appunto.

Davide Lo Presti
, avvocato e dottore di ricerca in Diritto ed Economia dell'Impresa Discipline Interne ed Internazionali, ha all'attivo svariati scritti relativi all'Alto Adriatico, tra cui la curatela (con Davide Rossi), per Cedam-Wolters Kluver, Quarant'anni da Osimo.

Davide Rossi
insegna Storia e Tecnica delle Codificazioni e Costituzioni Europee all'Università degli Studi di Trieste. Recentemente, per i tipi della Cedam-Wolters Kluver, ha curato La città di vita cento anni dopo. Fiume, D'Annunzio e il lungo Novecento Adriatico.

Indice

Giuseppe de Vergottini, Premessa. Un ministero inesplorato
Davide Lo Presti,
Davide Rossi, Introduzione. Il dibattito attorno al Ministero per la Ricostruzione delle Terre Liberate dal Nemico: un'esperienza "Salata" o riuscita?
Davide Lo Presti,
Le ragioni della creazione di un unicum: il Ministero per le Terre Liberate
Ester Capuzzo,
Il Ministero delle Terre Liberate dal Nemico (1919-1923)
Giovanni Zucchini,
La fi gura di Cesare Nava quale Ministro per le Terre Liberate dal Nemico
Alessandro Agrì,
"Ai fini di restaurare la ricchezza nazionale": assistenza, ricostruzione e risarcimenti durante e dopo la Grande guerra
Emanuele Bugli,
Il ripristino delle arginature dei fiumi e le opere idrauliche nell'opera del Ministero per le Terre Liberate
Marco Panato,
Profili risarcitori ed esonero dalle imposte per le terre liberate nel primo dopoguerra (1918-1923)
Lorenzo Salimbeni,
Una pessima replica. Il Ministero delle Nuove Province e delle Terre Liberate in Albania (1941-1943)
Alberto Sciumè,
Guerra e dopoguerra nella dinamica ordine/eccezione nel Novecento italiano. Primi spunti di riflessione
Bibliografia
Gli Autori.