Distracted mind

Adam Gazzaley, Larry D. Rosen

Distracted mind

Cervelli antichi in un mondo ipertecnologizzato

“Una lettura appassionante che spiega come il nostro cervello lavori per perseguire i propri obiettivi e come, per raggiungerli, debba combattere interferenze interne ed esterne, incluse quelle indotte dalle nuove tecnologie… Un testo estremamente interessante, assolutamente raccomandato a tutti gli appassionati di neuroscienze e psicologia e a tutti coloro che sono interessati all’impatto della tecnologia sulla società” (Barbara J Sahakian, docente di Neuropsicologia Clinica all’Università di Cambridge).

Edizione a stampa

32,00

Pagine: 308

ISBN: 9788891771537

Edizione: 1a ristampa 2022, 1a edizione 2018

Codice editore: 1400.7

Disponibilità: Discreta

Pagine: 308

ISBN: 9788891777393

Edizione:1a edizione 2018

Codice editore: 1400.7

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: PDF con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Pagine: 308

ISBN: 9788891777621

Edizione:1a edizione 2018

Codice editore: 1400.7

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: ePub con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Una prova schiacciante di quanto oggi, nel pieno dell'era digitale, sia divenuto indispensabile coltivare una consapevolezza del momento e individuare strategie in grado di fermare la nostra attenzione.
(Jon Kabat-Zinn, professore emerito di Medicina e fondatore della Stress Reduction Clinic e del Center for Mindfulness in Medicine, Health Care and Society presso la University of Massachusetts Medical School)

Distracted Mind è una lettura appassionante che spiega come il nostro cervello lavori per perseguire i propri obiettivi e come, per raggiungerli, debba combattere interferenze interne ed esterne, incluse quelle indotte dalle nuove tecnologie.
Un testo estremamente interessante, assolutamente raccomandato a tutti gli appassionati di neuroscienze e psicologia e a tutti coloro che sono interessati all'impatto della tecnologia sulla società.
(Barbara J. Sahakian, docente di Neuropsicologia Clinica all'Università di Cambridge)

Il nostro universo è ormai saturo di informazioni (che traboccano con finestre pop-up, smartphone, sms, chat, e-mail, social media e videogiochi) e noi dobbiamo essere disponibili ventiquattr'ore al giorno, sette giorni su sette, 365 giorni all'anno.
È arrivato il momento di prendere atto che la tecnologia distrae la nostra attenzione dagli aspetti importanti della vita e di capire non solo perché siamo così sensibili alle interferenze, ma anche come trovare un "segnale in mezzo al rumore" nel nostro mondo ipertecnologizzato.
Distracted Mind non è un manuale pseudo-scientifico che offra TAC a colori o una dubbia neuroscienza. Adam Gazzaley, neuroscienziato cognitivo all'avanguardia nello studio di come il cervello gestisce distrazioni e interruzioni, e Larry D. Rosen, psicologo che si occupa di "psicologia della tecnologia" da oltre trent'anni, ci spiegano perché non riusciamo a navigare con successo nel nostro moderno ecosistema tecnologico e come questo abbia avuto un effetto negativo sulle nostre sicurezze, sulle nostre capacità cognitive, sulla nostra educazione, nei nostri rapporti sul lavoro, con la famiglia e con gli amici.
Distracted Mind non solo spiega perché il nostro cervello fatica a tenere il passo con le esigenze della comunicazione e dell'informazione, ma offre strategie pratiche per cambiare il nostro comportamento e migliorare il funzionamento del cervello nell'alleviare tali interferenze e conseguire in modo più efficace gli obiettivi che ci poniamo.
Distracted Mind non ci chiede di lasciare a casa il cellulare, ma ci insegna ad usarlo meglio.

Adam Gazzaley insegna nei Dipartimenti di Neurologia, Fisiologia e Psichiatria della University of California, San Francisco, dove ha fondato e diretto il Neuroscience Imaging Center, il Neuroscape Lab e il Gazzaley Lab.

Larry D. Rosen è professore emerito di Psicologia alla California State University, Dominguez Hills. Autore di diversi libri di successo, scrive come blogger per Psychology Today.

Prologo
Ringraziamenti
Parte I. Cognizione e l'essenza del controllo
Interferenza
(Che cos'è un'interferenza su un obiettivo?; Perché siamo così vulnerabili alle interferenze?; Sta peggiorando?; Perché ci comportiamo così?)
Obiettivi e controllo cognitivo
(Il ciclo percezione-azione; Top-down e bottom-up; I processi del controllo; L'attenzione: il faro; Memoria di lavoro: il ponte; Gestione dell'obiettivo: il controllore del traffico)
Il cervello e il controllo
(La corteccia prefrontale; Le reti neurali; Modulazione top-down; L'attenzione; La memoria di lavoro; Gestione dell'obiettivo)
I limiti del controllo
(I limiti dell'attenzione; I limiti della memoria di lavoro; Un riassunto dei limiti del controllo cognitivo)
Variazioni e fluttuazioni
(I cambiamenti legati all'età; Il ciclo della vita; Cambiamenti di stato; Condizioni cliniche)
Parte II. Il comportamento in un mondo high-tech
La psicologia della tecnologia
(Ciò che cambia le regole crea delle ondine; Multitasking, task switching e una continua attenzione parziale; L'interferenza sul posto di lavoro; L'interferenza nell'educazione; Il multitasking quotidiano sui media; Aspettative)
Le conseguenze dello spostare continuamente l'attenzione
(Educazione superiore; Sicurezza; Il posto di lavoro; Rapporti umani; Salute mentale, emotiva e fisica)
L'impatto della tecnologia sui diversi gruppi sociali
(Bambini e adolescenti; Gli adulti; Patologie)
Perché ci interrompiamo da soli?
(Le influenze della tecnologia; La noia; L'ansia; L'accessibilità; La metacognizione)
Parte III. Riprendere il controllo
Aumentare il controllo
(L'educazione tradizionale; La meditazione; Gli esercizi cognitivi (giochi per la mente); Videogiochi; La natura; I farmaci; L'esercizio fisico; Il neurofeedback; La stimolazione cerebrale; Conclusioni)
Modificare il comportamento
(Strategie per una guida sicura; Strategie per portare a termine un incarico delicato; Strategie per una socializzazione non interrotta; Strategie per una buona notte di sonno; Conclusioni).

Potrebbero interessarti anche