La logistica nei sistemi ERP. Dalla distinta base alla produzione
Autori e curatori
Livello
Dati
pp. 188,   5a ristampa 2016,    1a edizione  2006   (Codice editore 561.321)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846471406
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856870503
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Un manuale operativo destinato ai responsabili della pianificazione e dell’ esecuzione, ai gestori dei magazzini e della produzione, ai buyers, ai responsabili IT, nonché a consulenti e studenti che vogliono comprendere il meccanismo logico che fa girare tutto il back-office aziendale.
Utili Link
Colore Magazzino e scorte: arriva la soluzione (di Monica Trabucchi)… Vedi...
Presentazione del volume

Il sistema ERP (Enterprise Resources Planning) è il software che in uno stsso database raccoglie le informazioni necessarie per pianificare le attività di un'azienda. L'implementazione di un sistema ERP coinvolge infatti tutti i settori di un'azienda, dall'amministrazione alla dirigenza, dalla produzione alla distribuzione, condividendo dati e chiedendo alle singole figure di migliorare le capacità decisionali e di pianificazione.
Questo volume in particolar modo si propone di permettere al responsabile della logistica di rispondere alle domande:
Che cosa produrre ed acquistare?
Quanto produrre ed acquistare?
Quando produrre ed acquistare?
In quale sequenza produrre?
L'opera segue uno schema preciso dove in ogni capitolo vengono definiti gli input al sistema e gli output prodotti dallo stesso, accompagnati da numerosi esempi applicativi. Il ragionamento corre lungo l'asse che parte dalle previsioni di vendita e dall'ordine cliente ed arriva infine alla consegna del prodotto finito, tenendo conto dei principali vincoli, quali distinta base e cicli di produzione, livello di servizio e lead times, capacità produttiva e sequenze di produzione, gestione di commesse e pianificazione reticolare.
La comprensione del funzionamento dei sistemi integrati ERP permette di avere una chiara visione del motore informativo che fa funzionare l'azienda, in termini di gestione degli ordini di produzione e di acquisto, di conto lavorazione e di distribuzione, in modo da ottimizzare il flusso dei materiali, minimizzando al tempo stesso l'investimento in scorte.
Il testo è destinato ai responsabili della pianificazione e dell'esecuzione, ai gestori dei magazzini e della produzione, ai buyers, ai responsabili IT, nonché a consulenti e studenti che vogliono comprendere il meccanismo logico che fa girare tutto il back-office aziendale.

Gabriele Levy, laureato in Ingegneria Gestionale e diplomato in Computer Sciences presso il TECHNION - Israel Institute of Technology, è docente di Logistica e Sistemi Informativi presso varie Business Schools, Facoltà e Politecnici. Collabora con TNT, Alenia, Regione Piemonte, Cap Gemini, SAP, Oracle, ENI, SKF. È socio fondatore della E-BPR, azienda che si occupa di sviluppo di strategie web ed electronic business process reengineering, (www.ebpr.it).

Indice


Premessa
Parte I. Implementazione
Introduzione
(Un po' di storia; Il lotto economico; La scorta di sicurezza; MRP e Just in Time; Descrizione del sistema ERP)
Implementazione del sistema ERP
(ERP e tipologie aziendali; Analisi ABC dei problemi implementativi; Procedure fondamentali; Problemi di accuratezza dei dati; Sistema formale e sistema informale; Le fasi dell'implementazione; Approcci di installazione; Problematiche dell'implementazione; Costi e benefici)
Il database dell'ERP
(Definizione; Dati ed informazioni; I files del sistema; Database e organizzazione; Legami con la contabilità)
La domanda: previsioni e ordini clienti
(Le previsioni; L'intervallo temporale; Il Master Production Schedule; Fabbisogni e tipologie di aziende; Il ciclo di vita del prodotto)
La distinta base
(Definizione; I livelli della distinta base; Tipologie di distinte base; Rappresentazione informatica; Codice muto e codice parlante; Struttura dei dati; Dati ed operations; Configuration control)
Parte II. Pianificazione
Il record classico di pianificazione
(Rappresentazione della situazione delle scorte; Ordini pianificati ed ordini emessi; Materiale impegnato)
L'esplosione dei fabbisogni
(Definizione; Implosione; Il livello minimo; Rintracciabilità)
La nettificazione
(Definizione; Formule di nettificazione)
Il lead time offsetting
(Definizione; Il cutting approach; Backward scheduling; Le settimane negative; Il lead time di sicurezza)
Dinamica di pianificazione
(Il principio fondamentale della pianificazione; L'approccio level by level; Il lotto minimo; La gestione dei ricambi; Modalità di funzionamento; Procedure operative; Condizioni di errore; Transazioni; Procedure per l'accuratezza dei dati)
Il dimensionamento dei lotti
(definizione; Il costo di attrezzaggio; Il problema del lot-sizing; I principali metodi di dimensionamento lotti; Il metodo lot for lot (L4L); Il lotto economico (EOQ = economic order quantity); Il periodo economico (POQ = periodic order quantity); Il minimo costo unitario (LUC = least unit cost); Il minimo costo totale (LTC = least total cost))
I cicli di produzione
(Definizione; Obiettivi del ciclo; Ciclo e competitività)
La pianificazione delle risorse di produzione (CRP)
(Definizione; Input e output del CRP; Come funziona il CRP?; Gestioni per eccezioni; Fattori di influenza; I colli di bottiglia; Gestione degli impianti ausiliari)
Parte III. Produzione
Introduzione alla schedulazione
(Definizione; Perché la schedulazione?; Definizioni fondamentali della schedulazione; Obiettivi della schedulazione; Schedulazione su una macchina; Schedulazione su macchine in parallelo)
La schedulazione in ambiente Flowshop e Jobshop
(Tipologie di flussi produttivi; Complessità del problema; Schema di definizione; Algoritmo di Johnson; Algoritmo per m macchine in flowshop: n\M\J\max Cjm; Algoritmo per jobshop con 2 macchine: n\2\J\Makespan; Regole di dispatching; La simulazione di sintesi)
Il controllo avanzamento produzione
(Definizione; Strumenti ed operations; Funzioni fondamentali; Il conto lavorazione esterno)
ERP e Kanban
(Definizione; Kanban ed MRP)
Gestione commesse (Project Management)
(Simbologia; Il metodo del percorso critico - CPM; Forward scheduling; Backward scheduling)
Pianificazione della distribuzione (DRP)
Conclusioni


Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access


Segnalazioni

Pubblicità