Trattamento integrato della schizofrenia

Sergio Lupoi

Trattamento integrato della schizofrenia

In chiave sistemico-relazionale

Edizione a stampa

19,00

Pagine: 112

ISBN: 9788846475121

Edizione: 1a edizione 2006

Codice editore: 1249.1.18

Disponibilità: Discreta

Occuparsi di schizofrenia in questa psichiatria che cerca di spostare la sua attenzione verso nuove frontiere più ricche di notorietà non è cosa da poco.
Secondo l'autore, la schizofrenia è una malattia della conoscenza di origine multifattoriale bio-socio-psicologica con il sostegno dei più attuali dati disponibili tratti da ricerche mediche, epidemiologiche e neuropsicologiche.
Conseguenza di questa impostazione è la tesi che la cura debba essere multimodale come l'etiopatogenesi. Tale risultato può essere raggiunto attraverso un'attenta regia dell'apporto di diverse professionalità che moduli gli interventi a seconda della fase della cura. La dimensione pubblica è quella più indicata ad effettuare questo lavoro per la possibilità che offre di integrare i diversi interventi necessari nell'arco della cura e di proporre un'adeguata riattivazione sociale del soggetto.
L'autore sostiene quindi che nella cura della schizofrenia sia indispensabile mettere al centro dell'interevento la persona nella sua totalità e la famiglia come cornice obbligata di riferimento. Persona che deve essere stimolata e messa in condizione di poter elicitare tutte le dimensioni proprie che fanno dell'uomo l'essere sociale per antonomasia.
Una solida preparazione relazionale sistemica diventa particolarmente idonea per la conduzione di questo tipo di intervento: la psicoterapia relazionale è infatti una delle poche psicoterapie che ancora si occupi di psicosi e che formi operatori che si dedicano a questa terapia.
Viene quindi delineato un modello di intervento con l'individuazioni di obiettivi, tecniche e con la presentazione di due casi clinici.

Sergio Lupoi, neuropsichiatria, psicoterapeuta relazionale, è socio fondatore del Centro Studi di Terapia di Coppia e della Famiglia di Roma, ente gestore dell'Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale di cui è didatta. Supervisore della Società Italiana di Psicoterapia Relazionale, è primario territoriale presso la Asl Rm D. Si occupa di schizofrenia a partire dalla tesi di specializzazione (1972) , ha continuato presso il SPDC dell'Ospedale Forlanini di Roma, poi ha fondato la Comunità Semiresidenziale ITER (da cui il volume Comunità semiresidenziale e psicosi, Angeli,1995) e successivamente ha aperto e diretto Centri Diurni pubblici e quindi attualmente, attraverso la Direzione di un modulo territoriale del DSM dell'Asl Roma D, promuove un intervento integrato.



Camillo Loriedo, Prefazione. Dal blaming all'integrazione: percorsi complessi per l'intervento relazionale sulla schizofrenia
(Le origini; Il fattore unico e il blaming; I modelli interattivi disfunzionali; Il salto concettuale verso il sistema e la complessità; Bibliografia)
Introduzione
Premessa
(Schizofrenia)
Etiopatogenesi della schizofrenia
(Fattori biologici; Fattori sociali; Fattori familiari)
Decorso
(Varie tipologie; Fattori che influenzano il decorso; Ricadute)
Esito
(Predittori di esito; Elementi terapeutici riabilitativi che influenzano l'esito; Teoria della finestra stimolo)
Vulnerabilità
(Conseguenze delle alterazioni organiche; Meccanicismo neuropsicologico dei sintomi; Alterato funzionamento neuropsicologico; Tipi di vulnerabilità)
Rivisitazione della prospettiva sistemico-relazionale
(Concetto di relazione; Conoscenza come azione con il mondo; Innato e ambiente; Coscienza; Motivazioni come meccanicismi neurofisiologici)
Inquadramento della schizofrenia in una visione relazionale sistemica complessa
(Disturbo fondamentale)
Trattamento della psicosi
(Proposta; Obiettivi scalari dell'intervento; Capisaldi della strategia terapeutica; Variabili che sono importanti rispetto al processo di cura)
Casistica con strumenti di valutazione
(Indagine su un campione di 9 pazienti; Primo caso clinico: La famiglia di Pasquale; Secondo caso clinico: La famiglia di Giovanni)
Bibliografia.

Potrebbero interessarti anche