Curare giocando, giocare curando.

Sergio Lupoi, Antonella Corsello, Serena Pedi

Curare giocando, giocare curando.

La famiglia, i bambini, i terapeuti

Proponendo il gioco come strumento principe per la cura del disagio psico-emotivo della famiglia con bambini, questo libro può essere considerato una vera e propria sfida per una cultura in cui il giocare costituisce un’attività meramente infantile.

Edizione a stampa

23,00

Pagine: 168

ISBN: 9788820455088

Edizione: 2a ristampa 2016, 1a edizione 2013

Codice editore: 1249.1.31

Disponibilità: Discreta

Pagine: 168

ISBN: 9788891700070

Edizione:1a edizione 2013

Codice editore: 1249.1.31

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: PDF con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Pagine: 168

ISBN: 9788891701251

Edizione:1a edizione 2013

Codice editore: 1249.1.31

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: ePub con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Le difficoltà nello sviluppo armonico e funzionale dei bambini sono in costante aumento e di conseguenza è in crescita la domanda di interventi preventivi e curativi a carattere psicologico e psicoterapico.
Questo libro, proponendo il gioco come strumento principe per la cura del disagio psico-emotivo della famiglia con bambini, può essere considerato una vera e propria sfida per una cultura in cui il giocare costituisce un'attività meramente infantile. Dentro tale sfida ci sono tanto le famiglie che richiedono un intervento, quanto i professionisti della cura. Non di rado, infatti, lo psicoterapeuta rimane intrappolato dentro la propria immagine di professionalità composta e formale.
Il gioco - svolto con la partecipazione attiva di tutti i componenti del setting terapeutico - grazie alle sue caratteristiche comunicative non verbali e simboliche, facilita delle ristrutturazioni della singola persona e del suo sistema familiare, permette di agire quelle ridefinizioni comportamentali necessarie al cambiamento e decostruisce quelle rigide impalcature mitiche che paralizzano le famiglie. E i terapeuti giocando diventano modelli impliciti e possibilità di attivazione di empatia, di coping e di imitazione da parte di tutti. La prima parte del libro presenta una teoria dello sviluppo del bambino compatibile con i presupposti della psicoterapia sistemico-relazionale, la teoria della psicoterapia di gioco e poi una classificazione delle possibili forme di gioco. La seconda propone quattro casi clinici con i verbali dei principali interventi di gioco e con puntuali commenti fase per fase.

Sergio Lupoi, psichiatra e psicoterapeuta, fondatore nel 1975 del Centro Studi e Ricerche per la Psicoterapia della Coppia e della Famiglia di Roma e successivamente dell'IIPR. Supervisore e didatta della SIPPR. Per i nostri tipi ha pubblicato: Trattamento integrato della schizofrenia. In chiave sistemico-relazionale (2006) e, come curatore, Comunità semiresidenziale e psicosi (1995).
Antonella Corsello, psicologa, psicoterapeuta relazionale, è tutor della sede di Palermo dell'IIPR. Svolge libera professione come psicologo psicoterapeuta. Si occupa di famiglie con minori disabili in un centro riabilitativo in convenzione con l'ASP 6 di Palermo.
Serena Pedi, psicologa, psicoterapeuta relazionale, è allieva didatta della sede di Palermo dell'IIPR. Svolge libera professione come psicologa psicoterapeuta. Opera all'interno di alcuni centri aggregativi, ove si occupa di famiglie con minori a rischio.



Camillo Loriedo, Presentazione. Il muro invisibile e la forza dell'esperienza. La straordinaria sinergia del gioco e della terapia della famiglia
Riferimenti bibliografici
Introduzione. C'era una volta...
Parte I. La teoria per una psicoterapia di gioco
Le teorie di riferimento
(Sviluppo competente dell'essere umano; Aspetti neurobiologici della vita di relazione; Il sé, la coscienza e la conoscenza; Le emozioni; La memoria; Lo sviluppo del mondo psichico; Famiglia e individuo; Livelli di patologia)
Il gioco
(Funzione curativa del gioco nella prospettiva sistemica)
Il gioco in psicoterapia sistemico-relazionale e la psicoterapia di gioco
(Il gioco in psicoterapia sistemico-relazionale; La psicoterapia di gioco)
La prassi terapeutica nella terapia di gioco: istruzioni per l'uso
(Lo stile di conduzione; Tipologie di gioco; Il ruolo dei terapeuti)
Parte II. I casi clinici commentati
Gratta, gratta e musica fu
(La prima fase della terapia; Fase centrale del percorso: il gioco con Veronica e la sua famiglia; La fase finale della terapia: una separazione improbabile; Il follow-up)
Una di queste storie moderne: quale famiglia per Tommaso?
(Ipotesi sulla funzione del sintomo; Contratto terapeutico; Evoluzione della terapia)
Le spalle di Enea
(Storia della famiglia; La prima fase della terapia: dalla valutazione alla definizione del contratto; Contratto terapeutico e agenda segreta delle terapeute; Evoluzione del percorso terapeutico; Conclusione della terapia e follow-up)
Flaminia Fabriani, Francesca Suma, Sergio Lupoi, Il nuovo sintomo antidepressivo: il bambino iperattivo
(L'incontro con la famiglia; Le famiglie di origine dei genitori; La fuga nella salute)
Conclusioni
Bibliografia.

Contributi: Flaminia Fabriani, Camillo Loriedo, Francesca Suma

Collana: Psicoterapia della famiglia

Argomenti: Psicopatologie e tecniche per l'intervento clinico - Psicologia e psicoterapia della famiglia e della coppia, sistemica e relazionale - Infanzia: psicologia, psicopatologia e clinica

Livello: Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti

Potrebbero interessarti anche