Formazione di valore

Come sviluppare valori per la società della conoscenza

Autori e curatori
Contributi
Mauro Bonaretti, Ulderico Capucci, Salvatore Carrubba, Fra' Paolo Crivelli, Donata Fabbri, Leoluca Orlando, Enzo Rullani, Emanuele Severino, Massimo Toschi, Giuseppe Varchetta
Livello
Testi per professional
Dati
pp. 176,   figg. 26,     1a edizione  2006   (Codice editore 25.23)

Formazione di valore. Come sviluppare valori per la società della conoscenza
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846478177

In breve

Qual è il valore prodotto dall’azione formativa? Valore per chi? I formatori solo dei "passa pensiero" o sono produttori autonomi d’idee? A queste domande rispondono autori provenienti da discipline ed esperienze variegate: formatori (come Marco Rotondi e Ulderico Capucci), filosofi (Emanuele Severino) economisti (Enzo Rullani)

Presentazione del volume

Qual è il valore prodotto dall'azione formativa? Valore per chi? Siamo solo dei "passa pensiero" o siamo produttori autonomi d'idee?
Questo libro esplora l'ampio territorio in cui la formazione può creare un effettivo valore aggiunto, affrontando il tema del rapporto fra formazione e valori. In questo percorso vengono approfonditi i tre processi principali di creazione di valore attraverso la formazione (generare pensiero multipolare, etico, libero), tenendo in considerazione i metamessaggi lanciati e il fatto che: 1) la formazione ha raggiunto ormai lo sviluppo e lo status di tecnologia consolidata anche in Italia, 2) è in corso una fase di industrializzazione (e spesso globalizzazione) dei suoi processi produttivi, 3) può essere interessante esplorare percorsi alternativi alla sua industrializzazione che salvaguardino la sua essenza artistico-artigianale, 4) il metodo formativo racchiude in sé una forte potenzialità d'apprendimento operando a tre livelli del processo formativo (allargamento dei canali comunicativi, ancoraggio emozionale, radicamento valoriale), 5) il metodo, "il come"(la formazione viene realizzata), risulta determinante per orientare i metamessaggi formativi che si vogliono produrre, 6) la metafora organizzativa della funzione formazione (cioè la situazione relazionale esistente in un'organizzazione fra: formazione, potere gerarchico e linea) influenza l'interpretazione dei metamessaggi formativi e la percezione che rimane del valore effettivo della formazione.
L'approccio col quale si sviluppa questa esplorazione è interdisciplinare: gli autori fanno riferimento a percorsi, discipline e ruoli diversi. Da questo viaggio nascono molteplici intrecci e interconnessioni per cui le tesi di un autore sono riprese/sviluppate/modificate/approfondite dagli autori successivi. Fra i molteplici fili rossi che attraversano i capitoli del libro tenendolo unito, segnaliamo quello "sull'importanza e sui limiti del metodo e della tecnica" nella formazione.

Indice



Marco Rotondi, Introduzione. Per una formazione di valore
(Formazione come tecnologia consolidata; Dalle botteghe alle fabbriche formative: un passaggio rischioso; Pragmatica della formazione; Formazione e potere; Una formazione di valore; La logica del libro; Bibliografia)
Parte I. Formazione e valore
Marco Rotondi, La sfida del valore per i formatori
(Il cammino di rinnovamento della formazione e la sua evoluzione; Una nuova vision per i formatori; I processi per creare valore con la formazione; Conclusioni; Bibliografia)
Emanuele Severino, Conoscenza e sopravvivenza dei popoli nel nostro tempo
(Il "come" della formazione; Capitalismo e tecnica; La tecnica: scopo o mezzo?; La tecnica e i suoi scopi; "Dio è morto". La tecnica imperante; I fondamenti della formazione)
Ulderico Capucci, Una mappa del valore per le organizzazioni
(Il valore e i suoi significati; Mappa del valore a livello politico; Mappa strategica; Mappa operativa; Mappa del sistema organizzativo; Mappa dei contenuti del valore; Mappa mentale del valore)
Parte II. Il pensiero e l'azione etici
Fra' Paolo Crivelli, Rifondare l'etica nel lavoro
(La tecnica e la felicità ipotetica; L'etica come bussola dell'essere uomini; Il concetto di bene e la legge morale; L'uomo centro del pensiero; L'etica e la felicità sostanziale; I requisiti del formatore; Bibliografia)
Giuseppe Varchetta, Azione organizzativa e autosviluppo individuale
(Nuovi compiti; Nuove responsabilità; Centralità del soggetto; Riflessività; Etica del formatore; Testimoniare; Bibliografia)
Mauro Bonaretti, Sviluppo organizzativo etico per la pubblica amministrazione
(Premessa; La costruzione del consenso; Il governo delle interdipendenze; La rappresentanza verso l'esterno; Le scelte effettuate dal comune di Reggio Emilia)
Parte III. Il pensiero e l'azione multipolari
Massimo Toschi, Multipolarità e pensiero delle vittime
(Il pensiero unico e la Torre di Babele; I mattoni del pensiero unico; La centralità della persona e i valori; La doppia faccia dei valori; Esempio di un progetto di sviluppo di multipolarità)
Enzo Rullani, Pensiero multipolare: personalizzare la modernità rendendola riflessiva
(Dall'uno al molteplice; Chi ha paura del molteplice?; Tensione dialettica tra l'uno e il molteplice; Il dilemma della modernità: vivere pericolosamente sull'orlo del caos; La multipolarità della modernità; La tecnica come selettore principe; La conoscenza moderna: onori e oneri della riproducibilità; La rivoluzione innescata dalla conoscenza moderna; Il progetto della prima modernità: artificializzare il mondo, abbattendo i costi con le economie di replicazione; La crisi da iper-complessità; La riscossa del molteplice: pluralismo del virtuale, diffusione del rischio, del potere e dell'intelligenza; Il nuovo ordine post-fordista; La modernità è finita?; Rimettere al centro del progetto moderno la molteplicità delle sfere di azione; Verità, utilità, potere: tre (diversi) metri di misura; Per rigenerare la modernità bisogna presidiare i punti di intersezione; Modernità riflessiva; Idee per organizzare e far funzionare un circuito riflessivo senza uscire dalla modernità; Bibliografia)
Parte IV. Il pensiero e l'azione liberi
Salvatore Carrubba, Fondamenti per il pensiero libero nella formazione
(Spirito critico e libertà; Le caratteristiche del pensiero libero; Il conflitto creativo; Conoscenza e sistemi di regole; Formazione e informazione; Governare la complessità; La società conformista; Il pensiero libero e la responsabilità; Libertà e pensiero ironico; Bibliografia)
Leoluca Orlando, Identità e libertà nel pensiero e nell'azione
(Felicità come rapporto tra libertà e identità; Essere se stessi nel cambiamento; Identità: primo dei diritti umani; Il modello del carretto siciliano; Identità del comunicare; Libertà, identità e muro di Berlino; Il rischio della perfezione; Libertà è rispetto del tempo; L'orgoglio della propria identità)
Donata Fabbri, Per un contesto formativo capace di generare pensiero libero
(La scimmia di Kafka; Coscienza ed etica residuale; Libertà e vincoli; Saper dire di sì e saper dire di no; Trasmettere responsabilità; Trasformazione dell'intimità; Il valore del dono; Bibliografia)
Bibliografia generale
Breve presentazione degli autori.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi

Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access


Pubblicità