Borsa e valori

Giampietro Nattino

A cura di: Maura Liberatori, Paolo Pagliaro

Borsa e valori

Storia della Finnat, dall'Ottocento ai giorni nostri

La famiglia Nattino – utilizzando competenze, relazioni e discrezione e investendo nei settori più diversi: dalle acque all’immobiliare, dall’edilizia alle banche – ha costruito intrecci societari e rapporti personali con molti dei personaggi che hanno segnato la storia economica italiana dell’ultimo secolo. Il volume è il racconto di questo lungo percorso, tracciato in prima persona con una semplicità che potrà apparire disarmante a chi è abituato al lessico astruso della finanza. E che invece, in questo caso, è probabilmente il segreto del successo.

Edizione a stampa

25,00

Pagine: 192

ISBN: 9788835135753

Edizione: 1a edizione 2022

Codice editore: 1490.55

Disponibilità: Discreta

Pagine: 192

ISBN: 9788835134992

Edizione:1a edizione 2022

Codice editore: 1490.55

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: PDF con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Pagine: 192

ISBN: 9788835139027

Edizione:1a edizione 2022

Codice editore: 1490.55

Possibilità di stampa: No

Possibilità di copia: No

Possibilità di annotazione:

Formato: ePub con DRM per Digital Editions

Informazioni sugli e-book

Se è vero, come sostiene l'economista francese Thomas Piketty, che il rapporto tra rendite da capitale e reddito da lavoro durante gli ultimi due secoli è stato sbilanciato a favore delle prime, questo lo si deve anche a chi i patrimoni li ha saputi gestire.
In Italia tra i custodi - e i moltiplicatori - di grandi ricchezze, spiccano i Nattino. Con la loro Finnat - nata come società finanziaria e poi diventata banca - oggi si occupano di private banking, attività fiduciaria, family office, consulenza, corporate finance. E alla fine del 2014 hanno dato vita al secondo fondo immobiliare italiano, con un patrimonio gestito di oltre 7 miliardi di euro.
Ma la loro storia imprenditoriale incomincia nel 1898, quando nonno Pietro - piemontese intrepido, bersagliere, impegnato nelle controverse campagne d'Africa del neonato Stato italiano - si trasferisce a Roma. Qui, forte della sua cultura militare e delle buone relazioni anche con il Vaticano, avvia un'attività allora tra le più innovative, quella dell'agente di cambio. Nasce così quella che presto diventerà una delle boutique finanziarie più esclusive del Paese.
Sullo sfondo ci sono l'inizio della grande industria di fine Ottocento, la Prima Guerra Mondiale, il ventennio fascista, una Seconda Guerra Mondiale più distruttiva della precedente. E poi ancora: la ricostruzione, la creazione di un nuovo sistema politico, con gli annessi problemi, il miracolo economico dei "gloriosi trent'anni", la crescita più faticosa degli anni successivi e le sue crisi intermittenti, fino alla decrescita del nuovo millennio.
La famiglia Nattino - utilizzando competenze, relazioni e discrezione, investendo nei settori più diversi: dalle acque all'immobiliare, dall'edilizia alle banche - ha costruito intrecci societari e rapporti personali con molti dei personaggi che hanno segnato la storia economica italiana dell'ultimo secolo.

Giampietro
, nipote del fondatore e patron del Gruppo, artefice della crescita spettacolare di Finnat, dopo aver lasciato ai figli la conduzione dell'azienda, ha accettato di raccontare questo lungo percorso con una semplicità che potrà apparire disarmante a chi è abituato al lessico astruso della finanza. E che invece, in questo caso, è probabilmente il segreto del successo.

Maura Liberatori
, ricercatrice economista, pubblicista, è stata consulente alla Banca Mondiale e si occupa di informazione sui temi economici.

Paolo Pagliaro
, giornalista, è direttore dell'agenzia Nove Colonne ed è autore della rubrica "Il punto" nella trasmissione televisiva Otto e Mezzo (La 7).

Osvaldo De Paolini, Prefazione
Premessa
Piemontesi e militari
(Da Porta Pia all'Abissinia; Nattino, Albertini, Giubergia; Pietro, "il leone della Borsa")
Professione: agente di cambio
(I primi clienti: banche ma non solo; "Sottoscrivete, si arrenderanno!"; I segreti del mestiere)
Distanti dalla politica
(Ma c'era un rivoluzionario nel Cda; Meglio i fatti che gli annunci)
Dalle fonti alla finanza
(Terme di Acqui, il grande salto; Il lungo feeling con l'Imi)
Il banchiere nel cantiere
(A 22 anni nel Cda di Condotte; L'incontro con Cuccia; Genova e il Matitone; "Cryptoporticus vaticanus")
La bella gioventù
(Uno sportivo al vertice della Fisi; Calcio giocato, ma non solo; A scuola dai Gesuiti)
Scene da un matrimonio
(Giampietro Nattino e Celeste Buitoni; "Cose spiacevoli")
Angelo Nattino (1937-2014)
(Ricordo del fratello)
Tutto casa e Barocco
(La sede di Palazzo Altieri; Precursori nell'informatica)
I rapporti con il Vaticano
(Effetti finanziari del Concordato; "Noi dell'anticamera"; La nascita di Euramerica; La Santa Sede e gli investimenti in Italia. Il cambio di strategia)
La stagione dell'Iri
(Così l'Italia cambiò; Lo Stato e l'economia; Nino Rovelli in Finnat; L'importanza delle relazioni)
Come nasce una banca
(Quello sportello a Parigi; Dalla Sportass all'Ina; Un giorno in Procura; Origine del credit crunch; Euro sì o euro no?)
Le notizie che servono
(Informazione e insider trading)
Londra, occasione perduta
(L'affare che l'Italia non ha fatto; Lo scudo fiscale; Finanza aziendale)
Un pianista mancato
(Passioni private di un banchiere)
Elogio dei social housing
(Il modello virtuoso del sistema dei fondi)
L'evoluzione del Gruppo Finnat
(Il ventennale di InvestiRE Sgr)
Il passaggio del testimone
(Largo ai giovani)
Breve biografia
Indice dei nomi.

Contributi: Osvaldo De Paolini

Collana: Casi e studi d'impresa

Argomenti: Biografie, narrazioni - Storie e casi d'impresa

Livello: Studi, ricerche

Potrebbero interessarti anche