Il metodo degli shock culturali.

Margalit Cohen-Emerique, Ariella Rothberg

Il metodo degli shock culturali.

Manuale di formazione per il lavoro sociale e umanitario

Lavorando con i migranti, gli assistenti sociali e umanitari si confrontano a volte con situazioni destabilizzanti, che sembrano difficili da integrare nella loro pratica professionale. Come superare questi ostacoli e stabilire un rapporto di fiducia basato sulla ricchezza delle differenze culturali?

Edizione a stampa

26,00

Pagine: 196

ISBN: 9788891729637

Edizione: 1a edizione 2016

Codice editore: 1370.2.8

Disponibilità: Discreta

Lavorando con i migranti, gli operatori sociali e umanitari si confrontano a volte con situazioni destabilizzanti, che sembrano difficili da integrare nella loro pratica professionale.
Come superare questi ostacoli e stabilire un rapporto di fiducia basato sulla ricchezza delle differenze culturali?
Il metodo degli shock culturali consente di prendere distanza da se stessi attraverso il decentramento, aprendosi alla scoperta del quadro di riferimenti dell'altro e alla negoziazione indispensabile al "con-vivere".
I numerosi esempi tratti da situazioni reali, commentati e analizzati dalle autrici, consentiranno di:
• individuare le situazioni di shock culturale per superarle;
• identificare le rappresentazioni su di sé e sull'altro;
• affrontare in modo diverso il rapporto con l'alterità.
Ricco e stimolante, sia per gli operatori sociali e umanitari che per gli studenti e i formatori interculturali, questo metodo, di apparente semplicità, richiede in realtà una grande perizia.

Margalit Cohen-Emerique ha conseguito un dottorato in psicologia sociale. Dopo un avvio di carriera in Israele, si è indirizzata verso lo studio delle relazioni interculturali e la formazione di assistenti sociali, socio-sanitari ed educativi. Pioniera dell'intercultura in Francia, la sua opera Pour une approche interculturelle en travail social. Théories et pratiques, pubblicata da Presses de l'EHESP, è un punto di riferimento per la ricerca e la formazione nei servizi sociali per i migranti.

Ariella Rothberg è psicologa clinica con un dottorato in etnologia. La sua collaborazione con Margalit Cohen-Emerique l'ha portata ad occuparsi della formazione alla relazione e alla comunicazione interculturale degli assistenti sociali e, più in generale, degli operatori nel campo socio-sanitario, socio-culturale e umanitario.

Cinzia Sabbatini, Presentazione dell'edizione italiana
Massimiliano Fiorucci,
Prefazione all'edizione italiana
Introduzione
I principi della formazione al metodo degli shock culturali
(L'utenza degli interventi formativi; Le varie fasi; L'apprendimento del metodo; Il lavoro di gruppo; Ritorno in seduta plenaria; Perché scegliere questo metodo di lavoro?; Ciò che bisogna sapere prima di cominciare)
La costruzione della griglia di analisi
(I dati oggettivi su di sé e sull'altro; Il contesto; I sentimenti vissuti durante lo shock; Il quadro dei riferimenti del professionista; L'immagine dell'altro che emerge dal racconto; Il quadro di riferimenti di chi ha provocato lo shock; Generalizzazioni sulla pratica professionale e le situazioni di incontro interculturale)
Il metodo degli shock culturali attraverso l'esempio: le situazioni analizzate
(I criteri di selezione; Analisi di 19 shock culturali; Le principali tematiche trattate nelle situazioni)
Conclusioni
Allegati. Griglia e strumenti di osservazione
(Griglia di analisi degli shock culturali; Professionisti, strutture e utenti interessati dal metodo degli shock culturali; Ruoli e funzioni degli operatori umanitari; Lista degli shock culturali analizzati)
Bibliografia.

Contributi: Massimiliano Fiorucci, Cinzia Sabbatini

Collana: Scienze e salute

Argomenti: Counseling - Emigrazione, immigrazione

Livello: Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari - Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti

Potrebbero interessarti anche