Salvare il capitalismo

Alfred Rappaport

Salvare il capitalismo

Come riprendere il controllo della finanza e tornare a creare valore a lungo termine

La strategia implementabile da imprenditori, manager, investitori, autorità di regolazione per superare la crisi e ritornare a un sentiero di crescita sostenibile. Un appassionato appello a porre fine all'approccio dello "shortermismo" che sta distruggendo l'economia mondiale e a tornare sulla strada della creazione di un valore stabile e duraturo.

Edizione a stampa

30,00

Pagine: 192

ISBN: 9788856848649

Edizione: 1a edizione 2012

Codice editore: 100.780

Disponibilità: Discreta

I dirigenti d'azienda sono ossessionati dai guadagni trimestrali e dal prezzo corrente delle azioni. C'è una ragione che spiega quest'ossessione: i loro bonus sono normalmente basati sui profitti immediati anziché sulla creazione di valore a lungo termine. Nulla è tuttavia più dannoso per le aziende e per l'intera economia. Pochi pensatori hanno contribuito negli ultimi decenni al dibattito su questo tema come Alfred Rappaport. Con i suoi articoli per il Wall Street Journal e il suo fondamentale La strategia del valore , Rappaport è stato infatti tra i primi a delineare i criteri che un management deve rispettare per perseguire l'obiettivo primario di una creazione di valore a lungo termine.
Questo suo ultimo libro è un appassionato appello a porre fine all'approccio dello "shortermismo" che sta distruggendo l'economia mondiale e a tornare sulla strada della creazione di un valore stabile e duraturo.
La soluzione di Rappaport al problema è semplice, ma non banale: occorre ri-allineare gli interessi dei manager aziendali e dei manager dei fondi d'investimento con quelli dei loro azionisti e investitori. Come? Adottando alcune fondamentali misure:
* il senior management e i consigli d'amministrazione delle aziende devono porre la creazione di valore a lungo termine come loro obiettivo principale;
* amministratori delegati, manager e dipendenti devono ricevere incentivi per la creazione di valore a lungo termine;
* le dichiarazioni contabili devono fornire agli investitori maggiori informazioni e farlo in maniera più trasparente;
* devono essere istituite delle commissioni per i fondi d'investimento che operino per far coincidere gli interessi dei money manager con quelli degli azionisti;
* i fondi d'investimento devono essere guidato da un management attivo, avere una proprietà concentrata e orizzonti d'investimento a lungo termine, in grado di spostare la prospettiva a favore di migliori guadagni sul lungo periodo per gli azionisti.

Se i dirigenti nel mondo aziendale e in quello degli investimenti non affronteranno il problema, altre crisi finanziarie potrebbero arrivare, probabilmente assai più ampie e devastanti di quella del 2008.
Lo scelta è chiara. Possiamo continuare a cercare profitti a breve termine a spese della vitalità, della sicurezza finanziaria individuale e persino dello stesso sistema di libero mercato. Oppure possiamo seguire la via responsabile delineata in questo libro e generare innovazione, qualità, crescita e valore duraturo.

Alfred Rappaport è Professore emerito alla J.L. Kellogg Graduate School of Management della Nothwestern University. È autore del classico Shareholder value ( La strategia del valore , FrancoAngeli, 1990) e coautore con Michael Mauboussin di Expectations Investing ( Investire nelle aspettative , Il Sole 24 Ore, 2003). Rappaport è stato editorialista per il Wall Street Journal , il New York Times , Fortune , e BusinessWeek. Ha creato il Wall Street Journal Shareholder Scoreboard , una classifica annuale che valuta a seconda dei guadagni per gli azionisti le 1.000 società americane di maggior valore, pubblicata annualmente dal 1995 al 2008.



Giancarlo Forestieri, Prefazione all'edizione italiana
John C. Bogle, Prefazione
Ringraziamenti
Introduzione
Parte I. Le cause e le conseguenze della veduta corta
La nascita e lo sviluppo di un'idea
(La tirannia della veduta corta; Dal capitalismo imprenditoriale all'agency capitalism)
La veduta corta all'origine dell'attuale crisi finanziaria
(Campanelli d'allarme; I colpevoli nel settore pubblico; I colpevoli nel settore privato; L'erosione di fiducia)
La veduta corta nelle aziende
(La legittimità del valore per gli azionisti; L'ossessione fuorviante per gli utili di breve periodo; L'ossessione per gli utili compromette il valore per gli azionisti)
La veduta corta nel mondo degli investimenti
(La misurazione della performance; Il fascino dei guadagni; I difetti del rapporto prezzo/utili per azione; L'efficienza dei mercati azionari; La saggezza della folla; Le possibilità di battere il mercato)
Parte II. Contrastare la veduta corta
Gli incentivi nelle aziende per la performance di lungo termine
(Gli incentivi per gli amministratori delegati e per i senior executive; Gli incentivi per manager di unità operative; Gli incentivi per dipendenti a diretto contatto con i clienti; Conclusioni)
Come diventare un'azienda che crea valore a lungo termine
(Ottenere l'impegno; Le dodici prassi fondamentali messi in atto dalle aziende che creano valore a lungo termine)
La riforma dei bilanci aziendali
(Gli standard internazionali; Il tramonto della misurazione del reddito; Il rendiconto della performance aziendale (Corporate Performance Statement); I vantaggi del rendiconto della performance aziendale)
Gli incentivi agli investment manager per la performance di lungo termine
(Conviene investire in fondi azionari gestiti attivamente?; Le commissioni per i fondi comuni di investimento; Le commissioni legate alla performance di lungo periodo; I rendimenti per il fondo e per gli investitori; Il rompicapo della misurazione della performance; Le misure della performance orientate agli investitori)
Come rifocalizzarsi sui migliori rendimenti a lungo termine
(Focalizzarsi su portafogli altamente concentrati; Individuare le aspettative del mercato contenute nei prezzi delle azioni; Identificare le migliori azioni).

Contributi: John C. Bogle, Giancarlo Forestieri

Collana: Am / La prima collana di management in Italia

Argomenti: Economia e gestione aziendale - Scenari, strategie aziendali - Scenari, terzo millennio, futuribili, problemi generali

Livello: Saggi, scenari, interventi

Potrebbero interessarti anche