Visual merchandising. La comunicazione del punto vendita per dare valore all'esperienza del cliente
Autori e curatori
Contributi
Chiara Mauri, Cristina Pisani
Livello
Textbook, strumenti didattici. Testi per professional
Dati
pp. 434,      3a edizione, nuova edizione  2018   (Codice editore 1302.1.7)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 45,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 30,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 30,99
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
La nuova edizione (ampiamente rivista) della guida che è divenuta punto di riferimento per coloro che si occupano della comunicazione del punto vendita (visual merchandiser e responsabili dell’attività di in-store marketing), gli operatori della distribuzione e dell’industria. Perché una nuova edizione di questo libro? Perché il visual merchandising deve cambiare la sua stessa essenza. In un contesto oramai multicanale si impone un mutamento del suo ruolo, ma soprattutto delle sue modalità di interazione con il cliente e le imprese di produzione.
Presentazione del volume

Perché una nuova edizione di questo libro sul visual merchandising? Perché il visual merchandising dà materia a un punto vendita che, ora più che mai, deve cambiare la sua stessa essenza. La diffusione dei nuovi artefatti della comunicazione in un contesto oramai omnicanale impone un mutamento del suo ruolo, ma soprattutto delle sue modalità di interazione con il cliente. Innanzitutto, il punto vendita deve offrire valore. In modo concreto, non può più semplicemente prometterlo. Non basta più.
Nuovi orientamenti e paradigmi per comunicare l'identità e valorizzare l'offerta, per consolidare un'interazione fattiva con il cliente che ora più che mai deve prescindere dall'acquisto. Se il valore della visita sta nell'esperienza, il visual merchandising ne è parte fondante.
Il libro ripercorre il processo di progettazione e gestione del punto vendita in chiave di comunicazione. Dalle determinanti dell'atmosfera al ruolo delle tecnologie digitali, identifica le linee guida del concept, approfondendo le applicazioni della teoria del colore e della semiotica. Giunge, così, alle leve del visual merchandising all'esterno e all'interno del punto vendita fino alla comunicazione point of purchase nell'ambito della relazione di canale. Chiude, infine, con un focus sull'esperienza del cliente per una valutazione della sua interazione con lo spazio, sperimentato, percepito e desiderato.
Il libro si rivolge a chi si occupa della comunicazione del punto vendita (visual merchandiser e responsabili di in-store marketing), agli operatori della distribuzione e dell'industria (imprenditori e gestori di punti vendita, responsabili marketing, vendite, trade marketing e forza vendita), alle agenzie e agli studenti universitari e master interessati al marketing, alla comunicazione, al retailing.

Karin Zaghi, Associate Professor of Practice della SDA Bocconi School of Management e Professore di Marketing presso l'Università Bocconi. Presso SDA Bocconi è coordinatrice di due programmi Executive: Trade Marketing e Visual Merchandising. Autrice di Visual Merchandising e relazioni di canale (FrancoAngeli, 2013) e di Atmosfera e Visual Merchandising (FrancoAngeli, 2008), nonché di numerose pubblicazioni manageriali, svolge da anni attività di consulenza nel campo del marketing e del visual merchandising.

Indice
Chiara Mauri, Prefazione
Perché una nuova edizione?
Introduzione: quale visual merchandising?
Ringraziamenti
L'atmosfera del punto vendita come dimensione privilegiata dell'esperienza
(La significatività dell'esperienza nel punto vendita; Le determinanti dell'atmosfera; Universi tematici; L'interazione tra atmosfera e cliente; Un'esperienza unica; L'analisi costi-benefici in un approccio esperienziale; Il professionista delle qualità relazionali; I nuovi trend nella progettazione dei punti vendita; Un nuovo concept nel mondo delle Librerie Feltrinelli: il caso RED)
Ambienti tecnologicamente interattivi: le nuove dimensioni della comunicazione
(Punti vendita ipermediali; Verso la comunicazione digitale; L'augmented reality; L'augmented retailing; Alcuni progetti di augmented retailing; Le vetrine interattive)
Il punto vendita multisensoriale
(Il polisensualismo; L'uso dei sensi durante gli acquisti; La comunicazione visiva; La comunicazione tattile; La comunicazione olfattiva; La comunicazione uditiva; La congruenza delle tracce ambientali; Intrattenimento, consumo e acquisto in un ambiente multisensoriale: il caso Design Supermarket - la Rinascente di Milano, piazza Duomo)
Cristina Pisani, La teoria del colore: contributi per il visual merchandising
(Il colore come scienza; Gli effetti cromatici; L'armonia; L'accostamento dei colori; Colori ed emozioni)
Dai sistemi d'identità al visual merchandising
(Il dominio del visibile; Dall'identità di insegna al concept di punto vendita; Centralità dell'immagine coordinata, pregnanza del marchio o comunicazione per sottrazione?; L'integrazione tra l'azienda e gli store designer; La progettazione dello store design; I sistemi di identità nell'implementazione su una rete di punti vendita: tra la replicabilità e la differenza; Dal merchandising al visual merchandising: definizioni e campi di applicazione; Il visual merchandising, le intenzioni di acquisto e gli acquisti d'impulso; Il bilanciamento di esigenze contrastanti; Il profilo del visual merchandiser; Il visual merchandising virtuale; L'innovative retail design come asset strategico nelle aziende del lusso: il caso Vivienne Westwood; Simona Macchitella, Karin Zaghi, L'evoluzione del concept: il caso Salmoiraghi & Viganò)
Cristina Pisani, Nozioni di semiotica: aspetti pratico-operativi utili per il visual merchandising
(Semiotica e visual merchandising; Visual merchandising e comunicazione visiva; Percezione visiva e teoria del campo; Segni, simboli, schemi; I criteri di lettura di un'immagine; Le regole dei codici visivi; Il concept store: il caso KASANOVA+)
Il visual merchandising e la comunicazione esterna del punto vendita
(Il design dell'interfaccia; L'insegna; La facciata e l'ingresso; La vetrina)
Il layout: dalla mobilità fisica alla mobilità informativa
(Una rappresentazione teatrale; Il percorso percettivo del cliente all'interno del punto vendita; Le funzioni del layout; La progettazione del layout delle attrezzature; Le attrezzature di vendita; I tipi di layout delle attrezzature; Il punto vendita organizzato per specializzazioni e mestieri; La progettazione del layout merceologico; Il punto focale; Il punto display; Mobilità fisica e mobilità comunicativa: la grafica e la segnaletica)
Il display e l'allocazione dello spazio alle referenze
(L'attenzione visiva; Il display; L'allocazione dello spazio alle referenze; La qualità dello spazio; La quantità dello spazio e la saturazione del lineare espositivo; La gestione dello scaffale per massimizzare la produttività: lineari, finali e testate di gondola; La disposizione incrociata; La doppia esposizione; L'esposizione massificata; I criteri empirici di allocazione dello spazio; Il planogramma; I correttivi del lineare espositivo; Verso il micro visual merchandising; Matteo Testori, Quali fattori impattano sulle scelte degli shopper nel momento della verità?; Il senso dello spazio: il caso LUSH)
La comunicazione Point of Purchase
(Verso la comunicazione integrata; Strumenti e obiettivi; Gli orientamenti; La progettazione; Il montaggio, l'allestimento e la manutenzione; La comunicazione POP internazionale; Le relazioni di canale; Il digital POP: il caso Canon)
Il visual merchandising nelle relazioni di canale
(Il visual merchandising dell'industria nella distribuzione multimarca; L'organizzazione del visual merchandising dell'industria; L'organizzazione del visual merchandising della distribuzione; Una difficile integrazione)
Stefania Borghini, Karin Zaghi, I clienti e i negozi preferiti. Fenomenologia dell'attaccamento agli spazi commerciali
(La relazione tra cliente e ambiente dello spazio commerciale: il quadro concettuale di riferimento; Dallo spazio al luogo (place): l'ambiente costruito dal cliente; L'attaccamento ai luoghi; L'attaccamento ai luoghi commerciali: evidenze empiriche; I clienti e la produzione di spazio consumato: il caso degli Epicentri Prada; Alcune riflessioni conclusive)
La valutazione dell'efficacia dell'attività di store design in chiave esperienziale
(La relazione cliente-prodotto-spazio; Giusi Scandroglio, L'analisi osservazionale; Giusi Scandroglio, Fare ricerca qualitativa in store con la tecnologia mobile: una case history)
Glossario
Autori
Bibliografia.


Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access


Pubblicità