ascolta l'autore
Digitalmente confusi. Capire la rivoluzione o subirla
Autori e curatori
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 192,      1a edizione  2011   (Codice editore 1420.1.122)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856833829
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856842180
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
La rivoluzione digitale va ben oltre la tv, gli iPhone e gli iPad e potrebbe rivelarsi importante come quella neolitica dell’agricoltura o quella ottocentesca dell’energia e delle macchine. Purtroppo noi italiani rischiamo di perdercela prima ancora di averla capita. Come riscattarci, come riprenderci? Nel proporre le sue risposte, il libro racconta al lettore l’abc del digitale: in una sola lettura, troverete così tutto quel che dovete e volete sapere sul suo presente e il suo probabile futuro.
Utili Link
Airone Mi è venuta un'idea vincente (di Margherita Geronimo)… Vedi...
DM & Comunicazione (Digi)talmente confusi che … (di Pier Giorgio Cozzi)… Vedi...
Il Manifesto Consumi scostumati (di Vanni Codeluppi)… Vedi...
Harvard Business Review Banda larga e mente stretta (di Brigida Forese)… Vedi...
La Repubblica Analfabeti digitali (di Maria Novella De Luca)… Vedi...
Harvard Business Review Una sorgente … della crescita economica (di Paolo Magrassi)… Vedi...
Dmconline.it Recensione… Vedi...
Presentazione del volume

Noi italiani siamo, per il momento, contemporanei accidentali e inconsapevoli delle profonde trasformazioni indotte dalla tecnologia digitale.
Poco avvezzi all'inglese, privi di una produzione di software, scarsi anche nell'hardware, ignari di possedere quasi per intero una delle più importanti aziende elettroniche del mondo, irretiti e inebetiti dai gadget di cui ci inondano i designer americani e giapponesi e i loro terzisti asiatici, vagheggiamo la "banda larga" anche se non sapremmo che farne e inneggiamo alla tv digitale terrestre come fosse una rivoluzione culturale, quando è solo intrattenimento e consumo di massa.
Intanto, il world-wide web vacilla sotto le spallate inferte da poderosi interessi commerciali privati, con aziende di varia estrazione e vocazione (ma un unico chiaro obiettivo: il consumatore online) che tentano ciascuna di accaparrarsene una fetta esclusiva. Il Nuovo Mondo aperto, democratico e creativo rischia di trasformarsi in una costellazione di staterelli chiusi, votati al consumo e all'entertainment di bassa lega.
Questo dibattito ha formato l'oggetto di più di un discorso del presidente Obama, ma è impensabile in bocca a un nostro leader politico o a un nostro opinion maker. La rivoluzione digitale va ben oltre la tv, gli iPhone e gli iPad e potrebbe rivelarsi importante come quella neolitica dell'agricoltura o quella ottocentesca dell'energia e delle macchine. E noi rischiamo di perdercela prima ancora di averla capita.
Come riscattarci, come riprenderci? Nel proporre le sue risposte, il libro racconta al lettore l'abc del digitale: in una sola lettura, troverete così tutto quel che dovete e volete sapere sul suo presente e il suo probabile futuro, scoprendovi anche coinvolti in un viaggio affascinante nella suggestiva visione della "intelligenza collettiva".

Paolo Magrassi (www.magrassi.net), fisico di formazione, dirigente di ricerca e consulente di grandi multinazionali, ragiona da sempre intorno al potenziale delle tecnologie digitali e il loro presumibile impatto sulla vita delle persone. In A World Of Smart Objects (Stamford 2002) e 2015 Weekend nel futuro (con V. Di Bari, Milano 2004) ha discusso le conseguenze dell'ipergeografia, della realtà aumentata, dell'Io digitale e degli oggetti intelligenti, e congetturato che queste trasformazioni cambieranno il nostro modo di stare nella Natura. In Difendersi dalla complessità (FrancoAngeli 2009) e La good-enough society (FrancoAngeli 2010) ha analizzato le difficoltà di adattamento alla crescente complessità indotta dalle tecnologie.

Indice


Introduzione
(Usa, estate 2004; Milano, primavera 2010; Parliamoci chiaro; P.S. nomina nuda tenemus)
La banda
(C'è digitale e digitale; Usare ed essere usati: il crinale; La morte del web; La banda non è mai larga)
Magari bastasse!
(Facili tecnoentusiasmi; Questione di cultura, non di banda; Una fibra forte scatena l'inventiva)
Il più digitale dei barbecue
(L'invenzione del secolo; Numerazione binaria; Logica binaria; Software; Digitale e analogico; I vantaggi del digitale; L'immortalità del digitale)
Le opportunità
(Politica e società; Salute; Ambiente; Lavoro ed economia; Scuola; Abbiamo barato; Cui prodest?)
Banda larga, Italia stretta
(Visione locale e visione globale; Il divario digitale dell'Italia in cifre; Perché è importante; Che fare?)
Alla ricerca della cifra segreta
(Lo spazio del sapere; L'Umanità aumenta; Accettiamo la sfida?).


Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access


Segnalazioni

Pubblicità