"> L'universo mentale "nazista" - FrancoAngeli

L'universo mentale "nazista"

Autori e curatori
Contributi
Valeria Egidi
Livello
Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti
Dati
pp. 240,   1a ristampa 2009,    1a edizione  2004   (Codice editore 1217.3.2)

L'universo mentale
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23,50
Disponibilità: Limitata


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846454683

Presentazione del volume

Sappiamo che il nazionalsocialismo fu un fenomeno più insidioso di quanto si immagini comunemente, più accattivante, più plausibile. Sappiamo che le barriere fra "noi" e "loro" non sono tanto massicce quanto ci piacerebbe supporre. Sappiamo che esistono inquietanti parallelismi fra quei tempi e i nostri. Sappiamo dell'esistenza di una zona circoscritta di mortale spietatezza sepolta e dissociata in molte persone.

Se dal punto di vista storico si può forse reputare l'avvento del nazismo un fenomeno unico e irripetibile, questa valutazione non è altrettanto possibile sul versante psichico, se consideriamo "Hitler" come l'espressione di una condizione mentale esistente in molte persone.

Nel tentativo di affrontare, attraverso la competenza critica del metodo psicoanalitico, l'enigma di come una parte di un popolo di "poeti e pensatori" si sia trasformato in un popolo di "giudici e di boia", viene indicata una traiettoria di pensiero che, partendo da una forma di educazione alienante, prende in considerazione la violenza sottesa all'ubbidienza, la distorsione dell'identità, la complessa fenomenologia del mondo della menzogna, la corruttibilità del Super io, l'espansione dell'Ideale dell'Io. Ne deriva un'organizzazione psichica che dispone di una logica e di un sistema mentale doppi che si interseca con la negazione delle differenze e si dispiega nel diniego perverso della realtà dando luogo alla costellazione del mondo alla rovescia.

Sottolineando l'influenza di quest'ultima nell'ambito filosofico, sociale, politico e nel campo della letteratura e delle arti figurative viene proposta l'ipotesi dell' universo mentale nazista, una struttura in grado di autorizzare la violenza, senza che sia esperita come tale, ieri come forse oggi.

Niels Peter Nielsen è medico, specialista in psichiatra e in psicologia clinica, psicoanalista dell'IPA e della Società Psicoanalitica Italiana. Vive e lavora a Como operando nelle istituzioni come responsabile di strutture consultoriali e primario psichiatra. Docente della Scuola Italiana di Psicoanalisi di Gruppo (IIPG), è anche autore di numerosi saggi e di alcuni volumi tra cui ricordiamo L'atto di passaggio (1992), A favore di una certa anormalità (1993), Pillole o parole. Relazione verbale e rapporto psicofarmacologico (1998).

Indice


Valeria Egidi, Nel laboratorio del male: un cimento per il pensiero psicoanalitico
L'universo mentale "nazista"
In apertura
Il nazismo
Il nazismo: una "religione"?
Obbedienza e violenza
Mostri o esseri normali?
Educazione e alienazione
La distorsione dell'identità
Il mondo della menzogna
Il mondo della perversione
Il mondo alla rovescia
In-Fine
Bibliografia
Indice dei nomi
Indice analitico.




  • Psichiatria, neuropsichiatria, neuroscienze, psicofisiologia, psicobiologia
  • Psicologia cognitiva, psicologia della personalità
  • Psicologia sociale, di comunità, politica, ambientale, dell'emergenza, del turismo
  • Scienze e tecniche psicologiche per l'intervento clinico

    Scienze e tecniche psicologiche per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni

    Teoria e tecniche dei test, psicometria, psicodiagnostica

    Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione

    Teoria e tecniche per la riabilitazione

    Prevenzione e clinica delle dipendenze

    Psicologia giuridica, investigativa, forense, criminale, psicologia della devianza

    Psicologia della salute, psicologia del benessere, educazione al benessere

    Psicologia dell’arte e della letteratura, psicologia estetica

    Storia della psicologia

    Professione psicologo

    Servizi di cura

    Pubblicazioni in Open Access


    Pubblicità